5×1#138
*ALESSANDRO SANTORO

by Redazione DATE*HUB

5 illustrazioni raccontate

138esimo appuntamento con 5×1 – 5 opere x 1 artista, la rubrica dedicata ad artisti, illustratori e creativi talentuosi che, di volta in volta, si presentano ai nostri lettori con cinque illustrazioni raccontandocene la storia, le tecnica e tutte quelle curiosità “dietro il foglio… o lo schermo”.
Oggi conosciamo di Alessandro Santoro!

Ecco come si racconta a D*H: «Ciao! Mi chiamo Alessandro Santoro e sono un illustratore e fumettista. Sono nato ad Avellino ma vivo da un terzo della mia vita a Roma, dove mi sono diplomato prima in Illustrazione e poi in Fumetto. Da qualche anno lavoro come freelance per pubblicità, campagne promozionali, video didattici animati, storyboard e così via. Nonostante ciò, i 5 disegni che ho scelto sono lavori personali, realizzati fuori da circuiti “ufficiali”, ma che mi rappresentano maggiormente.»

MEZZI
Sto sviluppando questo stile per i fumetti, vorrei farci delle storie comiche/personali. Sui mezzi pubblici vi odio. Tutti.

MUCKY FINGERS
A questa illustrazione tengo molto perchè è un punto fermo nella mia collaborazione con i Mucky Fingers, la band di mio fratello Marco. Per loro ho creato questi 4 personaggi ricorrenti (in pieno plagio Gorillaz) che ho riutilizzato ogni volta che mi sono trovato a illustrare le locandine dei loro concerti. Questa in particolare è la copertina del loro primo EP, di cui ho curato grafica e illustrazioni. Io e Marco non ci vediamo spesso, ma in quell’occasione è stato divertente lavorare insieme al disco in maniera do it yourself, stampa compresa. Stilisticamente mi piace ancora molto, il segno cartoon/fumettoso è quello che preferisco per questo genere di cose.

ACQUA E SAPONE
Un esercizio di stile, e un tributo doveroso a Verdone, di cui mi ritengo umilmente un discreto filologo. Ho provato dei nuovi pennelli digitali e mi sono imposto di testare questo stile senza contorni, per uscire dalla famosa comfort zone. Volevo ci fosse un po’ della malinconia che è sempre presente nel Verdone di quel periodo, e il finale di questo film si prestava bene allo scopo.

ANIMA LATINA
L’evoluzione naturale della precedente. Ho scoperto che questo tipo di segno “granuloso” mi permette di sperimentare vari effetti e palette di colore ed è particolarmente efficace per illustrazioni più evocative e d’atmosfera. E’ stata realizzata per il contest DIECI COPERTINE indetto dal sito Italianism: ad ogni partecipante veniva assegnata una tra dieci copertine di album italiani storici, con il compito di reinterpretarla a proprio modo. A me è stato assegnato Anima Latina di Battisti; mi è subito venuta in mente un’immagine afosa, assolata, ma familiare, spero di averla resa al meglio.

STEVEN UNIVERSE
Farei un torto a me stesso se non mettessi almeno una tavola a fumetti: sono la passione della mia vita e quello che vorrei fare a tempo pieno e con queste tavole ho riscoperto il piacere e il divertimento di fare fumetti, una cosa assolutamente non scontata per noi disegnatori.

WEB* Behance • Instagram