EVENT
*TREVISO COMICS BOOK FESTIVAL 2018

by Redazione DATE*HUB

15 anni!

Treviso Comic Book Festival compie 15 anni
In programma in città dal 27 al 30 settembre, sabato 29 e domenica 30 la mostra mercato

Manca ormai poco al Treviso Comic Book Festival 2018, il festival internazionale di fumetto e illustrazione della città di Treviso, in programma dal 27 al 30 settembre 2018 con la mostra mercato prevista il 29 e 30 settembre. Un’edizione speciale per celebrare i primi 15 anni del TCBF. E saranno, infatti, 15 le mostre che porteranno i visitatori a scoprire il meglio del fumetto e dell’illustrazione nazionale e internazionale, tra passato e futuro, 15 i workshop per tutte le età e 15 gli incontri con i più celebrati autori del panorama mondiale. Oltre 250 autori presenti, molte le novità editoriali promosse dalle migliori case editrici italiane e più di 200 vetrine del centro storico dipinte dai disegnatori del TCBF. Infine l’omaggio a Massimo Bragaggia, il presidente e fondatore mancato a gennaio, e la consegna dei Premi Boscarato.

LA MOSTRA MERCATO
Data l’impraticabilità dell’ex Umberto I in Borgo Mazzini, dopo una non poco lunga ricerca è stata felicemente individuata la sede della mostra mercato 2018. Sabato 29 e domenica 30 settembre, il cuore commerciale del TCBF, con autori, editori, autoproduzioni e negozianti, si dividerà tra il palazzo definito “ex ANCE” in via Tolpada, concesso da Fondazione Cassamarca proprietaria dell’immobile, e la vicinissima piazza Santa Maria Maggiore.

LE MOSTRE


La mostra portante dell’edizione 2018 è dedicata a “Fumetti in TV”. TCBF realizza una grande esposizione, la più completa mai vista in Italia, dedicata alle storiche trasmissioni Rai, da “Carosello” a “SuperGulp!”. Ospitata all’interno degli spazi di Fondazione Benetton, racconterà uno spaccato dell’animazione italiana attraverso il tratto di autori del passato e personaggi illustrati ormai entrati nell’immaginario collettivo, come l’omino coi baffi della Bialetti, Angelino, Toto e Tata, Svanitella, Fido Bau, Ciuffo e Cioffo, la Smorfia, Gigino Pestifero, gli amici di Gioele, Miguel son mì della Paul Film, il mitico detective Nick Carter e i suoi fedeli assistenti Patsy e Ten di Bonvi/De Maria, Giumbolo, il Centauro Total GT e Corto Maltese. Nella stessa sede, dopo più di 20 anni di assenza da Treviso, la maestosa personale dedicata a Franco Matticchio, tra i grandi dell’illustrazione internazionale e autore per importanti case editrici e riviste italiane e non solo, curata da Giovanna Durì. Per la 15esima edizione del festival l’artista lombardo esporrà gli originali di due opere recentemente pubblicate da Rizzoli Lizard, “Jones e altri sogni” e “Il signor Ahi e altri guai”: 30 storie a fumetti e più di 70 illustrazioni a colori, alcune di queste prestate da vari collezionisti proprio per rendere la mostra ancora più ricca e preziosa. Entrambe le mostre godono del sostegno della Camera di Commercio di Treviso Belluno.

Il festival è come sempre internazionale e il manifesto ufficiale della 15esima edizione, non a caso, è stato realizzato dall’illustratrice londinese Laura Callaghan, una delle migliori interpreti dell’immagine femminile contemporanea e protagonista di un’altra delle mostre principali in programma all’ex Spazio Paraggi. Si resta in terra britannica con il talento emergente del fumetto inglese Dilraj Mann, altro ospite straniero che esporrà i suoi lavori nella prestigiosa cornice di Palazzo Manin. Con la sua graphic novel di debutto “Dalston Monsterzz” (Nobrow) ha stupito tutti per la freschezza narrativa e lo stile contemporaneo. Dalla Spagna arriva poi Núria Tamarit, astro nascente dell’illustrazione europea, esposta all’Eden Cafè di via XV Luglio.

Una delle novità 2018 è la presenza di una mostra all’interno del Museo Nazionale Collezione Salce, che sarà ospitata la personale “Punt e a Capo” di Riccardo Guasco come sezione dell’esposizione “Verso il boom”. L’autore è uno dei più importanti illustratori italiani a livello internazionale, ha collaborato con realtà come New Yorker, Los Angeles Magazine, Eni, Diesel, Longines, Greenpeace, Emergency, Moby, Rapha, Vanity Fair, Rai, Poste Italiane, L’Espresso, Architectural Digest, Selle Royal… e le sue illustrazioni appaiono su campagne pubblicitarie, riviste, libri, navi e biciclette. Appassionato dei poster anni ’30, è un maestro del manifesto illustrato.

Spazio ovviamente ai maestri, giovani e meno giovani, del fumetto italiano: a Palazzo Robegan – Ca’ da Noal la mostra di Carmine Di Giandomenico, un mostro del fumetto seriale che ha disegnato storie per Bonelli (Orfani e Dylan Dog) ma anche per Marvel e DC nel mercato USA (dall’Uomo Ragno a Wolverine, magnifico il suo ciclo di Flash). Al suo fianco Elisa Macellari al debutto con la graphic novel “Papaya Salad” (Bao Publishing) dopo anni come illustratrice internazionale.

Nel rigenerato spazio “Dintorni” in via Pescatori il giovane maestro Niccolò Pellizzon, autore di numerose graphic novel come “Lezioni di Anatomia” (Grzzz), “Gli amari consigli” (Bao Publishing), “Horses” (Canicola) e la nuova avventura “Haxa” (Bao Publishing). TCBF è sempre attento ai nuovi talenti: ecco a Ca’ dei Ricchi la mostra “Rebel kids” coi giovani punk Vittoria Moretta (al debutto con Coconino Press) e Luca Negri (Stigma) mentre alla Galleria dell’Artistico troveranno spazio le tavole di Kalina Muhova. Di nazionalità bulgara, diplomata all’Accademia di Bologna, ha appena pubblicato per Tunuè “Sofia dell’Oceano”, sceneggiata dal bonelliano Marco Nucci.

Autoproduzione: come sempre attenzione alle cose più interessanti del panorama DIY, con gli 11 anni di Passenger Press (a Ca’ da Noal), il gruppo Brace (vincitore del premio Piola) e la collettiva “Fanza Ghirò” dedicata ai 20 anni della serie tv Fantaghirò al Dump. Infine non dimentichiamo i talenti locali, sempre a Ca’ da Noal: Veronica Ruffato, padovana, esordisce al TCBF col suo primo volume per ZooLibri.

WORKSHOP
Workshop e laboratori per bambini, ragazzi ed esordienti. Si inizia giovedì al Liceo Artistico col lab di due giorni tenuto da Kalina Muhova e Marco Nucci per ragazzi e ragazze. Si prosegue sabato con il lab di disegno della Scuola Internazionale di Comics di Padova, il workshop per bambini di Marta Baroni (appena uscita per Bao Publishing) e quello sul “Super relax” per fare i fumetti rilassati con Dottor Pira. La domenica, ancora la Scuola Internazionale di Comics di Padova con la concept art per videogiochi e i workshop per bambini di Cristina Portolano (Canicola) alla BRAT e quello del collettivo trevigiano Baldobranco.

EVENTI
Al TCBF si celebra illustrazione e fumetto anche attraverso la musica. E come da tradizione, il festival aprirà giovedì 27 all’Eden Cafè con un evento speciale: “La rievocazione storica della prima jam hip hop” uno spettacolo interattivo del fumettista Dottor Pira e i rapper Uochi Toki.
Sabato invece, l’abituale party conviviale che quest’anno vedrà protagonisti all’ex Caserma Piave i Nu Guinea, star internazionali del nu-soul e nu-funk.
La domenica l’evento più atteso dal settore: alle 12 a Fondazione Benetton, il Premio Carlo Boscarato dedicato alla memoria dello storico autore trevigiano e assegnato alle migliori novità editoriali.
Tra sabato e domenica, inoltre, ci saranno diverse conferenze tra la sede ex ANCE e la Bottega Altromercato. Programma completo su www.trevisocomicbookfestival.it

EXTRA
Il festival non finisce il 30 settembre. Data l’alta frequentazione delle esposizioni, quest’anno il TCBF ha pensato di realizzare due mostre OFF inaugurate sabato 6 ottobre: “Oddozi” di Oscar Diodoro e Osvaldo Casanova, nel nuovo Spazio Solido in via Inferiore, e “Bepi Maffioli”, un progetto fumettistico sul grande enogastronomo al Cavastropoi.
Il progetto 200 vetrine prosegue in questi giorni e ha già toccato quota 100. Infine: quest’anno il TCBF metterà in piedi delle visite guidate alle mostre nei giorni 6 e 7, 13 e 14 ottobre. Info: visite@trevisocomicbookfestival.it

BRAGAGGIA
Una “Biblioteca Massimo Bragaggia” sorgerà ogni anno in una scuola diversa. È questa la proposta pensata dal direttivo del Treviso Comic Book Festival per ricordare la figura di Massimo Bragaggia, il fondatore e presidente del TCBF mancato prematuramente a inizio anno. Il festival trevigiano selezionerà dunque ogni anno una scuola primaria o secondaria del territorio cui donare l’equivalente di 500 euro in fumetti per ragazzi, così da far nascere una nuova piccola “Biblioteca Bragaggia” al suo interno. Per questa prima edizione dell’iniziativa, però, si partirà dalla BRAT, la Biblioteca dei Ragazzi di Treviso che ha inaugurato da poco una splendida sede: domenica 30 settembre, in pieno TCBF, sarà dunque apposta la targa “Biblioteca Massimo Bragaggia” e consegnati i fumetti per ragazzi alla biblioteca. In questo primo anno, a contribuire all’acquisto dei libri, ci sono anche gli “Amici di Ingress” di Bragaggia, un gruppo di giocatori online che ha perso uno dei suoi membri più attivi e ha generosamente voluto supportare l’iniziativa del TCBF.

Non è stato un anno facile – raccontano gli organizzatori del Treviso Comic Book Festival –. A gennaio, la perdita di Massimo Bragaggia, fondatore, presidente, cuore e anima del TCBF. Un momento drammatico che ci ha portati a fermare le macchine, a pensare, ripensare, cercare di trovare le forze e poi decidere che bisognava andare avanti, perché Massimo avrebbe voluto così: avrebbe voluto regalare la 15a edizione e di celebrarla a dovere con i centinaia di autori, di editori, le autoproduzioni, i negozianti, le migliaia di appassionati, i trevigiani”.

“Il Treviso Comic Book Festival rappresenta un evento di eccellenza che identifica fortemente la nostra città – dichiara il Sindaco di Treviso Mario Conte –. È un appuntamento imperdibile che questa Amministrazione vuole continuare a promuovere e a sostenere, rendendolo un punto fermo della programmazione culturale”.

WEB* www.trevisocomicbookfestival.it