5×1#123
*FRANCO BRAMBILLA

by Redazione DATE*HUB

5 illustrazioni raccontate

Appuntamento numero 123 di 5×1 – 5 opere x 1 artista, la rubrica dedicata ad artisti, illustratori e creativi talentuosi che, di volta in volta, si presentano ai nostri lettori con cinque illustrazioni raccontandocene la storia, le tecnica e tutte quelle curiosità “dietro il foglio… o lo schermo”.
Oggi ascoltiamo le parole del grande Franco Brambilla!

Ecco il suo CV, davvero… spaziale!
Nato a Milano nel 1967, diplomato all’Istituto Europeo di Design nel 1991. Dal 1998 al 2005 collaboratore dell’inserto economico del Correre della Sera per il quale realizza illustrazioni, collage fotografici e infografica. Nel 1997 assieme agli amici storici Pierluigi Longo e Giacomo Spazio fonda Airstudio, che per più di 10 anni sarà un punto di riferimento delle maggiori case editrici italiane per la progettazione grafica e l’illustrazione (tra i clienti: MTV, Smemoranda, Pirelli, Mondadori).
Appassionato di fantascienza fin da piccolo dal 2000 collabora stabilmente con le più famose collane editoriali italiane del genere: Urania e la raccolta di classici sci-fi: Urania Collezione e Millemondi edite da Mondadori realizzando fino ad oggi due tre copertine al mese. Come illustratore freelance continua la collaborazione con diverse agenzie pubblicitarie e case editrici in Italia e all’estero. Alla produzione di illustrazioni digitali affianca la realizzazione di bozzetti e sketches a matita e pennarello realizzati dal vivo durante mostre e convention, molti dei quali pubblicati nelle pagine interne della collana Millemondi (edizioni Mondadori) e nell’art book  “The Art Of  Mondo9 Chronicles and Concepts”.

Nel 2007 lancia il progetto artistico “Invading The Vintage” in cui le cartoline del nonno vengono “invase”, interpretate o stravolte in chiave surreale da simpatici alieni misteriosi ma anche da personaggi e astronavi di vecchi film e telefilm di fantascienza. Il progetto è ancora in corso ed è molto conosciuto in rete, ospitato da decine di blog  (da Boing Boing a Neatorama, Io9) e riviste internazionali di arte e scienza tra cui Wired USA e Italia, Vice, Juxtapoz, Blue Canvas, Sunday Telegraph. “Invading The Vintage” è l’unico progetto italiano ad essere stato incluso nella “bibbia” della Geek Art: “Geek Art – Une Anthologie Volume 1” curato e pubblicato in Francia nel 2012 da Thomas Olivri e ad aver partecipato alla mostra collettiva retrofuturista “Futur Anterieur” organizzata a Parigi presso la Galleria Du Journe Ages B sempre nel 2012. Invading The Vintage è stato ospite ufficiale all’Independent Arts Festival Di Sint Nicklass in Belgio nel 2014. Per il Comune di Segrate nel 2016 realizza 10 cartoline invase, una per ogni zona che compone il Comune che gli dedica la mostra  “Invading Segrate” e “Invading The Vintage”.

Urania
Copertina per il libro “La trilogia steampunk” di Paul di Filippo, è una delle mie due copertine di Urania in uscita ad agosto. Disegno le copertine di Urania e di altre collane figlie di Urania tutti i mesi dal 2000 e mi diverto ancora come se fosse la prima volta. Negli anni  questo lavoro mi ha portato a conoscere personalmente molti autori italiani e stranieri le cui opere sono pubblicate sulla mitica collana che è in edicola dal 1952. Uso molto 3d e photoshop e più che realizzare un disegno tradizionale punto a costruire un modellino come se fosse un diorama virtuale a cui scattare una fotografia. Il genere steampunk è molto divertente da illustrare e offre la possibilità di creare macchinari e mezzi di trasporto surreali che mescolano la tecnologia del 19esimo secolo con quella di un futuro che non è mai arrivato.

Invading The Vintage – Godzilla in Darsena
“Godzilla in Darsena” è una delle ultime cartoline che ho invaso. Ho cominciato a inserire alieni e robot nelle cartoline vintage nel 2007… ho iniziato per puro piacere. Il piacere di unire la mia passione per il 3d con quella per il vintage e in retrofuturo. Negli anni alcuni soggetti hanno viaggiato molto in rete e sono apparsi su varie riviste di grafica e illustrazione e in mostre.
Questi mix surreali hanno ottenuto molto consenso espesso sono state utilizzate come copertine di libri, poster, decorazioni per felpe, borse e copertine di dischi.

Mondo9
Questa immagine, la copertina del libro,  rappresenta Naila, la protagonista del nuovo romanzo di Dario Tonani in uscita a fine settembre per gli Oscar Mondadori dal titolo “Naila di Mondo9”.
Dario Tonani è un noto scrittore di fantascienza italiano che ha pubblicato più volte su Urania. Inventore di Mondo9, un pianeta piuttosto efferato su cui grandi navi dotate di ruote e senzienti si scannano in feroci battaglie che non risparmiano gli sfortunati equipaggi. Ho conosciuto Dario quando realizzai la sua prima copertina per Urania e da dieci anni lo aiuto a tenere vivo l’interesse dei lettori per la saga di Mondo9 illustrando (oltre a tutte le cover ufficiali dei suoi libri)  paesaggi e personaggi che pubblichiamo sul suo sito e su fb tra l’uscita di un libro e l’altro. questo nuovo volume conterrà alla fine del romanzo un glossario disegnato a mano in cui si descrivono mezzi, oggetti, animali e piante che infestano il pianeta, cosa mai successa in un Oscar. Insieme stiamo lavorando anche all’art book di Naila che conterrà illustrazioni inedite, schizzi, bozzetti e le cover alternative realizzate per Mondadori.

Bozzetti a mano
Ho ripreso a disegnare con matite e pennarelli, lo faccio soprattutto alle fiere e convention di fantascienza a cui mi capita di partecipare. Questo “allenamento”  è servito molto per realizzare il glossario illustrato contenuto in “Naila di Mondo9”.
Da qualche anno raccolgo le copertine di Urania in una serie di portfolio che ho intitolato “I mondi nel cerchio”; l’ultima pagina contiene un cerchio rosso vuoto  (simbolo di Urania) nel qualche realizzo un disegno a mano per personalizzare ogni copia.

Poster Starcon 2018
Ho realizzato questa immagine per la Starcon, una importante convention di appassionati di fantascienza a cui ho poi anche partecipato come ospite insieme ad altri artisti e attori di film e telefilm scifi. Essendo io un “vecchio nerd” che non si perde un film di Starwars ne una puntata di Star Trek non so dire se questo sia stato un bel lavoro o un grande piacere.

WEB* www.francobrambilla.com • FacebookInstagram