5×1#98
*MARIA GABRIELLA GASPARRI

by Redazione DATE*HUB

5 illustrazioni raccontate

Nuovo appuntamento con 5×1 – 5 opere x 1 artista, la rubrica dedicata ad artisti, illustratori e creativi talentuosi che, di volta in volta, si presentano ai nostri lettori con cinque illustrazioni raccontandocene la storia, le tecnica e tutte quelle curiosità “dietro il foglio… o lo schermo”.


Oggi è il turno della talentuosa Maria Gabriella Gasparri, che si racconta così: «Sono nata a Napoli e attualmente vivo a Cesena. Ho lavorato inizialmente come attrice con diverse compagnie teatrali, tra cui Socìetas Raffaello Sanzio/Chiara Guidi e il regista Mario Martone. Nel 2012 mi sono diplomata in illustrazione editoriale e per l’infanzia presso la Scuola Internazionale di Comics di Padova. Collaboro con case editrici in Italia e all’estero tra cui Eli Publishing, Sinnos e Beijing RZ Books. Le mie illustrazioni sono state selezionate per la Mostra degli Illustratori alla Fiera del Libro di Bologna nel 2018 e 2015. Ho esposto in mostre nazionali ed internazionali, tra cui: Rassegna internazionale di illustrazione “I Colori del Sacro. Il Viaggio” presso il Museo Diocesano di Padova, Fiera del Libro di Bologna 2015, Itabashi Art Museum di Tokyo, Ishikawa Nanao Art Museum di Ishikawa e Biblioteca Nazionale di Pechino.

“Jennifer”
Nata da non molto..le sono particolarmente affezionata. Rappresenta Jennifer, il travestito malinconico e romantico protagonista dell’opera teatrale “Le cinque rose di Jennifer” del commediografo napoletano Annibale Ruccello. Da ex attrice sono molto legata al mondo del teatro. Mi piaceva l’idea di poter ricreare in una singola immagine l’ambiente kitsch anni ‘70 in cui vive Jennifer, i colori sgargianti, le fantasie floreali onnipresenti e opprimenti, la coesistenza di sacro e profano.

“Lolita”
Omaggio al film “Lolita” di Stanley Kubrick. Amo il cinema, Kubrick è tra i miei registi preferiti. Mi piace lasciarmi ispirare, tra le tante cose, anche dal cinema, da quei film che per una ragione o l’altra ti restano dentro, lasciano una traccia forte e ti fanno pensare per giorni e questo è stato uno di quelli.

 “Sandokan”
Da bambina ho adorato la serie televisiva, restavo incollata allo schermo fino alla fine di ciascun episodio. Ascoltavo ripetutamente il 45 giri della sigla nel mio mangiadischi, insomma amore vero. I romanzi di Salgari li ho apprezzati qualche anno dopo.. quando ho imparato a leggere.

“Encounters #3- Incontri #3”
L’illustrazione fa parte della serie “Incontri” appositamente realizzata per la mostra internazionale di illustrazione “Illustrating life 2017” tenutasi a Pechino tra ottobre/novembre 2017. La serie, composta da tre illustrazioni, descrive altrettante situazioni d’incontro. Questa è la #3, rappresenta un concerto Jazz, un genere che da qualche anno ho riscoperto. Mi piace descrivere situazioni in cui i corpi dei personaggi si sovrappongono, in cui posso giocare con i pieni e i vuoti.

“Tammuriello”
Realizzata sul tema “fatto a mano” per la prima edizione del Ciciri Festival di Palermo. L’illustrazione è stata selezionata per far
parte della Ciciri Zine, prima fanzine del festival interamente stampata in serigrafia. Rappresenta un artigiano napoletano che realizza tamburelli. Il tamburello detto anche “tammuriello” è uno strumento della tradizione musicale napoletana. A Napoli in via S. Gregorio Armeno (ma non solo) gli artigiani oltre alle famose figurine del presepe, realizzano anche “tammurielli”, questi ..possono essere decorati con immagini che vanno da vedute del golfo di Napoli a ritratti di Totò, Maradona e altro ancora..

WEB* mariagabriellagasparri.com