EVENT
*NEXST 2017

by Redazione DATE*HUB

Indipendenti da chi e da che cosa?

//

NESXT INDEPENDENT Art Festival 26 ottobre / 5 novembre 2017

Dopo il debutto nel novembre 2016, durante la settimana di ContemporaryART Torino Piemonte con un head quarter in via Quittengo e un circuito off in città (a cui sono seguiti altri eventi tra cui Carlina on Stage | Cinema Carlina- www.carlinaonstage.com,che per due giorni ha reso l’omonima piazza un palcoscenico di eventi legati al suono e all’immagine), molte sono state le riflessioni sia sull’esperienza della prima edizione sia sulla rapida evoluzione della dimensione della produzione indipendente e no profit, vero fenomeno in esplosione. Una germinazione positiva da un lato ma che dall’altro rende il mondo indipendente troppo spesso una moda e una tendenza, contraddicendo negli ideali, negli obbiettivi e nei contenuti, oltre che nei protagonisti e nel target di riferimento, tutto ciò rispetto a cui, invece, voleva proporre un’alternativa. Una deriva agli antipodi rispetto alle premesse ideologiche e di pratiche.

ADIACENZE @Spazio Ferramenta – Andrea Familari, Untitled

Da qui la decisione dei nuovi sviluppi: NESXT durante la settimana di ContemporaryART Torino Piemonte 2017 promuove un festival diffuso sul territorio, che mette in luce la città con tutto il suo tessuto creativo e produttivo legato all’esperienza artistica. Il festival continua lo sviluppo di una doppia mission del progetto NESXT: da una parte sollecitare e garantire un network in città che possa essere scambio, condivisione e partecipazione alla produzione culturale locale, dall’altra attivare una rete internazionale e cioè invitando queste, e altre realtà a dare casa a progetti provenienti da altri ambiti geografici e culturali così come a produrne.

ARTFORMS

Il circuito del festival diffuso si anima insieme di realtà del territorio e di progetti indipendenti italiani, che sono stati selezionati direttamente dal board (formato da Lorenzo Balbi, Serena Carbone, Pietro Gaglianò, Olga Gambari, Andrea Lacarpia, Elena Motisi, Roberta Pagani, Marco Scotini), come un manifesto rispetto a come NESXT intenda il concetto di realtà artistica indipendente. L’invito a questi spazi italiani -che rappresentano al meglio le istanze e le declinazioni dell’idea stessa di realtà progettuale indipendente – costituisce un catalogo virtuoso di libera ricerca e produzione indipendente

CORSETTERIA – Paolo Ciregia, Ideological loop #1

Nel contesto vitale della settimana di Contemporary Torino, NESXT inaugurerà il festival diffuso il 26 ottobre 2017, in anteprima rispetto ai grandi eventi della settimana successiva legati ad Artissima. Un circuito formato da oltre una quarantina di spazi che proporranno progetti prodotti da realtà artistiche e culturali torinesi (da quelli più noti a quelli insoliti, senza distinzioni o categorie, con la presenza di gallerie giovani o di ricerca ma anche di teatri, librerie, laboratori, temporary e project space o realtà indipendenti) e no, coinvolgendo attori nazionali e internazionali. Progetti espositivi e insieme un programma di live, performance e talk che animerà il circuito per due settimane, fino al 5 novembre 2017, con un concetto di ‘opera’ aperto a qualsiasi esperimento e contaminazione. Punto di riferimento sarà l’head quarter di Nesxt, ospitato quest’anno in un grande spazio nel Quadrilatero, all’angolo tra via Santa Chiara e via Bellezia, che presenterà eventi diversi e che fungerà da base per tutta la rete.

FUSION – Arbitrium

In collaborazione con Artissima il 5 novembre al Meeting Point della fiera prenderà vita una tavola rotonda sul tema ‘Indipendenti da chi e da che cosa?’, che farà il punto sulla dimensione della produzione indipendente italiana, partendo dai significati storici e inalienabili del suo percorso nel periodo contemporaneo. Successivamente il materiale raccolto durante questo incontro, insieme a tutta l’esperienza del festival diffuso, confluirà nel journal Garibaldi in una collaborazione con The Independent della Fondazione MAXXI di Roma, partner di NESXT, articolata anche in un premio che identificherà un gruppo indipendente del festival da presentare sullo spazio del THE INDEPENDENT – Wall al MAXXI nella primavera 2018.

GALO – M city

Il progetto di webradio indipendente Radio Papesse durante le giornate de festival svilupperà un lavoro sonoro sul linguaggio dell’indipendenza. In collaborazione con Artribune, media partner di Nesxt, è stato istituito un premio che durante le giornate del festival selezionerà uno spazio indipendente a cui verrà dedicata la rubrica Focus sul n° 41 del magazine (gennaio/febbraio 2018) un focus sulle pagine del magazine di gennaio 2018. In collaborazione con Vanni Occhiali, il premio Autofocus dedicato alla performance durante le giornate del festival presenterà il progetto vincitore dell’edizione 2017, firmato da Camilla Soave e Beatriz Bizarro. In collaborazione con l’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino è stato avviato un progetto di formazione che coinvolge diversi corsi, “una bottega” di venti ragazzi suddivisa in squadre dedicate agli aspetti della curatela, del report e dell’allestimento, che da mesi supportano tutte le fasi di realizzazione del festival, coordinata dalla Cattedra di Scenografia e Applicazioni Digitali per l’Arte della Prof. Elisabetta Ajani.

KSPACES – libridartista

Guests
Adiacenze (Bologna) @ Spazio Ferramenta Artforms (Prato) + Studio Mdt (Prato) @ Project Room Davide Paludetto Arte Contemporanea Caffe Internazionale (Palermo) @ Via Bonelli 4 Compañía Cro-Magnon (Messico) @ Via Santa Chiara 10 Gelateria Sogni Di Ghiaccio (Bologna) @ Officina 500 Leggermente Fuori Sede (Torino) + Novella Guerra (Bologna) @ Spaziobianco Localedue (Bologna) @ Via Santa Chiara 10 Lu Cafausu (Lecce) @ Via Santa Chiara 10 Peninsula (Berlino) @ Via Santa Chiara 10 Planar (Bari) @ Studio Bild Quartiere Intelligente (Napoli) @ Via Bonelli 4d Radio Papesse (Siena) S.A.L.E. Docks (Venezia) @ Via Santa Chiara 10 Space 4235 (Genova) @ Via Bellezia 27 The Open Box (Milano) @ Park-Carlina There is no place like home (Roma) @ viadellafucina16 condominio-museo Tile (Milano) @Clog

Residents
Autofocus 9- Vanni | Barriera | Café Müller – Fondazione Cirko Vertigo | Clog | Comodo 64 | Corsetteria – Ncontemporary | Fusion Art Gallery | Galleria Moitre – Casa delle Donne | Galo Art Gallery | Gravity Records | Home | Isole | Jest | Kspaces | Laboratorio Artistico Pietra | Libreria Bodoni – Spazio B | Magazzino sul Po | (Ri)APE | Phos | Rio P.A.M. | Smartrams – Club to Club | Spazio Buonasera | Spazio Ferramenta | Teatro Espace | theGIFER | viadellafucina16 condominiomuseo.

LOCALEDUE

Manifesto
NESXT è un progetto interdisciplinare nato nel 2016, dedicato alla produzione artistica indipendente, che contiene già nel suo nome la sua triplice identità: NET come network in divenire, NEXT come futuro per un osservatorio critico e condiviso e NEST ovvero una casa aperta ad accogliere tutte le pratiche più contemporanee nel campo delle arti visive, performative, sonore e di contaminazione tra generi. I suoi protagonisti sono artisti, curatori, critici, storici, ricercatori, professionisti e operatori provenienti da diversi ambiti e discipline riuniti nella forma di associazioni, artists run space, collettivi, tipologie diverse di collaborazioni dove si inventano nuovi ruoli e si rinnovano gli statuti di un modo partecipato di intendere il sistema. L’articolato caleidoscopio di esperienze di cui si compone la produzione artistica e culturale indipendente italiana è il microcosmo in cui agisce NESXT, con una rete progettuale che cerca di intercettare e di proporre gli attori della scena emergente e di quella più d’avanguardia. NESXT vuol essere la piattaforma sperimentale dove questi rapporti, luoghi, pratiche e figure si mettono in discussione e si raccontano. NESXT è un corpo vivo, e come tale imperfetto, autocritico nel riconoscere l’esperienza come strumento fondamentale per crescere e mutuare forma e contenuto. NESXT vuole essere l’avamposto di un sistema che si autogestisce e si anima di precisi valori, chiamando in causa la sperimentazione dei linguaggi, l’approccio collettivo della ricerca, il coinvolgimento e la restituzione al territorio, l’interazione tra ambiti e il nomadismo inteso come nuova pratica di valorizzazione territoriale, svincolato da principi di localismo, piuttosto infarcito di internazionalità che significa innanzitutto accoglienza e contaminazione. In questo modo, NESXT guarda all’operazione artistica di ultima generazione come evento ardito e significativo per raccontare il presente e l’unico in grado di indicare direzioni future.

THERE IS NO PLACE

26 ottobre 18-24 Opening 27, 28 e 31 ottobre 15 – 19 2, 3 e 4 novembre 15 – 24 5 novembre 12 -19 Talk Artissima : 5 novembre 12.30 Meeting Point Ingresso gratuito Il progetto NESXT è ideato e prodotto dall’Associazione ArteSera e realizzato grazie al sostegno della Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT, con il Patrocinio della Città di Torino e del GAI. Fa parte del calendario di Torino+Piemonte Contemporary Art.
WEB* www.nesxt.org