5×1#74
*GIOVANNI ESPOSITO

by Redazione DATE*HUB

5 illustrazioni raccontate

Nuovo appuntamento con 5×1 – 5 opere x 1 artista, la rubrica dedicata ad artisti, illustratori e creativi talentuosi che, di volta in volta, si presentano ai nostri lettori con cinque illustrazioni raccontandocene la storia, le tecnica e tutte quelle curiosità “dietro il foglio”.

Oggi conosciamo il giovanissimo Giovanni Esposito.

Giovane illustratore partenopeo classe ‘92, nasce in un paesino di provincia dove fin da subito s’innamora di forme e colori. Dopo il diploma, decide di intraprendere gli studi presso l’Accademia di belle arti di Napoli, conseguendo la laurea in Graphic Design e specializzandosi poi nel campo dell’illustrazione. I suoi lavori sono spesso influenzati da elementi di cultura pop, grandi artisti del passato o, semplicemente, da scene di vita quotidiana. Sogna di bere una tazza di tè in un bistrot francese, in compagnia di Woody Allen e di una donna con un grande cappello incontrata poco tempo prima in treno, mentre la radio trasmette del buon Jazz. Attualmente però è ancora chiuso nel suo studio lavorando come illustratore e fumettista per diverse case editrici, ma non smette di sognare.

*JAZZ MOOD
Sono sempre stato del parere che le influenze, almeno in campo artistico, siano qualcosa d’imprevedibile e magico. La musica è la mia seconda passione, suono diversi strumenti ma devo ammettere di non essere particolarmente bravo. Ho però provato a disegnare lasciandomi andare totalmente alle sonorità di un genere che mi tiene spesso compagnia durante le lunghe notti di lavoro. Luce soffusa, un calice di buon vino e ho lasciato scorrere la matita come se stessi suonando uno strumento, cercando di far danzare linee, forme e colori a ritmo di Jazz. Consiglio la visione di questo lavoro con una colonna sonora d’eccezione: “My old flame” di Charlie Parker.

*TETTE E FRANGETTE
Tette e Frangette è un progetto personale iniziato e mai finito. L’intento era quello di avvicinarmi a piccoli passi al mondo dell’eros, cercando di darne una personale visione rispetto a situazioni di vita quotidiana, tutte accomunate però da due elementi: Tette e Frangette. L’incipit è molto semplice: nessuna pretesa poetica, nessuna pretesa stilistica, nessuna pretesa concettuale. Solo Tette e Frangette. Questa è “Phon Love” la prima di una serie che, forse, un giorno continuerò.

*LEVITY
Levity nasce quasi per caso, uno sketch scartato da un cliente per un progetto. In genere credo di aver fatto un buon lavoro quando ho la forte sensazione, una volta ultimato, di non esserne stato io l’artefice. Come se fossi solo una sorta tramite o qualcosa del genere. Ecco, con Levity questa sensazione è stata più forte che mai.

*HER
I colori, le musiche, i sospiri, i silenzi. Adoro tutto di questa pellicola. Sto parlando di Her, annata 2013 per la regia di Spike Jonze. Questo è un omaggio realizzato con il cuore ancora avvolto in un dolce tepore dopo la visione di questa piccola perla cinematografica che, ovviamente, consiglio a tutti.

*SKETCH IN BRIGHTON
Questa più che un’illustrazione è uno sketch che però ha una storia alle spalle che vorrei raccontare. Nell’estate del 2016 son partito da solo per un piccolo tour fra Londra, Birmingham e Brighton, accompagnato da uno scketchbook, una sorta di diario di viaggio che custodisco gelosamente. Come spesso accade ti ritrovi a vivere le ultime ore di un’esperienza simile in uno stato di totale confusione. Tutto si mescola: le sensazioni, le persone intorno a te, i colori, i suoni, gli amori. Vorresti ancora restare lì, per godere di ciò che di bello è stato in grado di lasciarti quel posto. Allora iniziai a vagare per Brighton con la sensazione di non aver preso e disegnato abbastanza, come di aver dimenticato qualcosa. Ad un tratto tra la folla vidi una ragazza, ferma, di spalle. Entrai in un bar, ordinai una tazza di tè, e disegnai proprio quella ragazza. Chiusi lo sketch book ed andai via con il sorriso. Non so bene il perché, ma finalmente avevo tutto.

WEB* BehanceFacebook