EXHIBITION
*IN THE NEST

by Redazione DATE*HUB

Lisinka’s Solo Show

lisinka_web

Se l’Epifania è una favola -e bisogna ancora provarlo!-, non c’è modo migliore di trascorrere il weekend che quest’anno la accompagna se non alla mostra “In the nest” dell’artista Lisinka, pseudonimo di Elisabetta Fantini, tornata ad esporre a Roma con una personale dopo oltre un anno di distanza dalla precedente “Stelle Morte” del 2015.

in-the-nest_2

Durante il 2016 l’artista romana di origine russa, che ha scelto Bologna come città d’adozione per lavorare i suoi disegni, è stata molto impegnata all’estero e, in particolare, in Portogallo alla Penumbra Art Boutique e in California alla Flower Pepper Gallery di Pasadena. Di passaggio a Roma in occasione della collettiva “Exit voto” della Parione9 Gallery, Lisinka (che altro non è che il diminuitivo-vezzeggiativo del nome Elisabetta) si è successivamente messa al lavoro con la curatrice Rossana Calbi per esporre presso Not Your Dolls, il negozio di Monti che dà casa all’arte.

in-the-nest_3

Inaugurata il 16 dicembre, “In the nest” presenta 6 lavori personali dai tratti morbidi e ispirati alle favole russe che ormai sono diventati tratto riconoscibilissimo dell’artista e sarà visitabile fino al prossimo 14 febbraio. 

la-bambina-cielo-small

Dove siete piccole colombe?
Domanda la filastrocca russa Lyuli Lyuli Lyulenki. Lisinka quelle colombe le ha accolte in piccoli nidi che ha costruito per loro, ha cercato un rifugio sicuro perché potessero affrancarsi dal timore.

la-gelosia-small

Arrivano le mie piccole colombe. Continua la nenia, e scopri che non sono loro ad aver paura ma sei tu a essere esitante, sei tu che aspetti di non restare solo nel nido che hai costruito.

verso-casa-small

Dormi, mio piccolo. È in quei sogni che Lisinka costruisce la sua dimensione artistica, in quelle attese solleva i gessetti e soffia sulla carta.

in-the-nest_1

In the Nest è la raccolta di disegni inediti in cui l’artista cerca una solidità che decide di non avere, una costruzione che si erge e poi si solleva come se cercasse posto altrove: in uno spazio che è solo visibile quando le palpebre stanno per cedere al sonno e lì trovano altro.

WEB * www.lisinkart.com