ART FESTIVAL
*FRUIT

by Redazione DATE*HUB

Just juice it!

Stampa

Torna a Bologna FRUIT EXHIBITION e per la sua quinta edizione arriva a Palazzo Re Enzo dal 27 al 29 gennaio, ovvero di nuovo in concomitanza con Arte Fiera ripetendo l’esperimento dell’anno scorso. Per dirla tutta, le mostre sono già cominciate martedì 17: in Biblioteca Salaborsa è stata inaugurata YES YES YES ALTERNATIVE PRESS, una mostra dedicata alla stampa underground europea e americana dal 1966 al 1977, con un’esposizione di riviste dai Provo al punk. Una ricerca su un decennio estremamente fervido, in cui editori, autori, praticanti radicali intervenivano in pubblicazioni che toccavano i temi dell’urgenza sociale del cambiamento. YYY tratta soprattutto la cultura visiva di quelle riviste libere e povere, la loro grafica stupefacente e l’estetica liberata che conviveva con gli attivismi e gli interventi politici. È l’esposizione di un decennio straordinario in cui le pagine di alcuni giornali avevano il coraggio di toccare i fatti e le notizie con uno stile rivoluzionario, in un clima fervente che costituiva una rete sociale di stampatori, autonomie creative e sindacati per la distribuzione.

YES YES YES

L’avvio ufficiale del festival porta la data di giovedì 26 gennaio alle ore 20.00 e la location di Dynamo – La Velostazione di Bologna con l’opening di YOU SAY LIGHT, I THINK SHADOW: un racconto di luce e d’ombra, uno studio espressivo realizzato in forma di libro dalle svedesi Sandra Praun, graphic designer, e Aleksandra Stratimirovic, artista, che presenta 109 testi, visioni poetiche, memorie e personalissime descrizioni che rispondono alla domanda “Che cos’è la luce?”.

you say light, i think shadow

Durante il weekend di Fruit, inoltre, sarà possibile visitare all’interno del festival altre cinque mostre e due eventi in anteprima. Tra questi: l’esposizione dei dummies di fotografia finalisti dell’ultima edizione del concorso internazionale Unseen Dummy Award di Amsterdam e l’anteprima mondiale del documentario Graphic Means sulle tecniche usate nella grafica prima dell’avvento del computer, nell’ambito della seconda edizione della video rassegna sull’editoria indipendente e le arti grafiche a cura di Simone Sbarbati di Frizzi Frizzi.

Unseen_Photo_Festival

Non manca una grande novità a segnare il quinto compleanno: Fruitography, ovvero uno spazio dedicato alla fotografia, che andrà ad affiancarsi al market tradizionale. Durante le tre giornate della manifestazione, per la prima volta, si potrà esplorare il mondo dell’editoria fotografica con una serie di iniziative che coinvolgono ospiti d’eccezione di calibro internazionale. Da non perdere, ad esempio, la mostra dei libri vincitori di Unseen Dummy Award, concorso internazionale indetto dal festival Unseen di Amsterdam, considerato uno degli eventi dedicati alla fotografia più importanti in Europa. Il pubblico potrà visitare anche Immorefugee: un lavoro fotografico di Defrost, durato ben due anni, sull’architettura del campo profughi di Calais.

Processed with VSCO with hb1 preset

Uno dei cuori pulsanti della manifestazione rimane il market tradizionale, con oltre 100 espositori italiani e stranieri, dal prodotto cartaceo alle novità multimediali.

Boite 16 open2Polpettas On Paper_Nature

Senza dimenticare una terza dimensione, quella sonora di DISCO, la sezione dedicata alle pubblicazioni con contenuti sonori. Come nelle precedenti edizioni, a FRUIT sarà possibile venire a contatto con le nuove opere di design per dischi, cassette e fanzine: bellissimi oggetti da collezionare. Produzioni originali, sia nazionali che internazionali: dalle cassette di Nervi Cani al vinile di Rural dei londinesi Open Edition.

04

WEB * www.fruitexhibition.com