FOOD
* LE ASIATIQUE

by Redazione DATE*HUB

Oriental Bloody

01_asiatique14

Volete passare un Capodanno orientale senza muovervi da Roma?
No, non vi stiamo suggerendo di anticipare il Capodanno cinese di un mese, e neppure di andare a Piazza Vittorio! Parliamo di rimanere in pieno centro storico ed esattamente in una delle sue piazze più belle, a Largo Fontanella Borghese. Inaugurato lo scorso 16 dicembre, Le Asiatique è la risposta alle vostre voglie di cibo asiatico, che sia per il veglione oppure per una cena speciale.

02_asiatique6

Le Asiatique nasce da un’idea di Michelle Sermoneta e Stefano Calò, giovane coppia dell’imprenditoria del Made in Italy, come luogo dedicato al culto dell’Oriente con un linguaggio gastronomico interculturale e contemporaneo perché, dice Stefano, “in Giappone esiste una parola, Omotenashi, che significa “intrattenere gli ospiti con tutto il cuore”, in modo quindi disinteressato e amorevole” e questo locale aspira a riprendere quell’importante valore. Il progetto architettonico, che si insedia in uno spazio di 300 mq, è stato curato nei minimi dettagli e il risultato è un unicum nel panorama romano: all’interno di un palazzo del ‘700, un labirinto di 6 stanze che si aprono come scrigni, dal carattere asiatico e romano al tempo stesso.

03_asiatique17

Ogni stanza è dominata da un simbolo della cultura asiatica con pezzi d’arte orientali realizzati dall’artista Chiara Montagner: lo specchio (a mosaico, riflette e amplifica lo spazio all’infinito), lo shoji (la parete scorrevole giapponese), il kimono (creato con migliaia di francobolli provenienti da tutto il mondo, esposto anche al Museo di Shanghai e alla Triennale di Milano nel 2007), le geishe e il ventaglio.

04_asiatique

In questo contesto unico, si inserisce una proposta gastronomica studiata da un team di cucina dall’esperienza internazionale, guidato dallo chef Daniel Cavuoto: l’obiettivo è quello di contaminare le ricette della tradizione orientale con i prodotti della cultura mediterranea. Il menu tocca quindi tutte le corde della cucina asiatica, creando piatti e combinazioni uniche e spaziando liberamente tra crudi e cotti.
Ci sono Gyoza di anatra e foie gras con fonduta di parmigiano 36 mesi oppure Fiore di zucca in tempura con mozzarella di bufala, ponzu e mayo e riduzione di soia tra gli antipasti; Poke di salmone con riso, tartare di salmone selvatico, mango e uova d salmone o Ramen di maiale grigio con noodles, pancetta di maiale, funghi e alga nori tra i primi.

05_asiatique1

Carne e pesce per i secondi, come Black Cod “Le Asiatique”, ovvero Merluzzo nero marinato al miso su crema di cavolfiore; Guancia di Manzo brasata in salsa bordolese, pesto di Osaka, funghi selvatici e gel di lime; Wagyu Beef nella variante italiana o giapponese marinato in salsa di soia e gochujang, con gel ai frutti rossi e scorzonera; L’Astice in 3 consistenze ovvero Teppanyaki di astice in beurre blanc di crostacei, chela croccante e insalatina di guacamole e nocciole; Pancia di maiale, cotta a bassa temperatura e glassata in salsa agrodolce e poi Sashimi, Nigiri, Gunkan e Crispy Rice Sushi.

06_asiatique13

Ma il motivo per cui vale davvero la pena passare il Capodanno a Le Asiatique sono i cocktail, creati con spezie, liquori e ingredienti orientali. Tra questi, quattro innovative proposte “Asiatique Special”, drink da bere ma anche da mangiare che uniscono la parte liquida alla parte di prodotto alimentare, come l’Oriental Bloody, con Tequila, I-sakè, Bloody morgan’s mix n. 1, succo di pomodoro e gamberone marinato, oppure La Perla Nera, con Vermouth dry, gin o vodka, Morgan’s Shrub N.1, acqua d’ostrica e ostrica.
Quindi, se il brindisi di apertura del 2017 sarà “Special”, non potrà essere da meno l’anno che vi aspetta.

WEB * www.leasiatique.it – T: +39.06.69330441