FESTIVAL
* NESxT

by Redazione DATE*HUB

NESXT BIG THINGS

14567603_201396410285590_960044560500421273_o

Nido (nest), rete (net) e futuro (next): queste sono le tre anime di NESxT che debutta a Torino con la prima edizione del festival, durante un’intensa settimana delle arti contemporanee in cui il capoluogo piemontese diventa per 7 giorni “the place to be”. Il festival/mostra che si svolgerà nello spazio Q35, infatti, è solo una delle attività previste all’interno di un ampio progetto di network internazionale rivolto al panorama artistico no profit, tra associazioni, artist run space e collettivi.

img-2_n38e13

NESxT, attraverso la mostra e il circuito cittadino cui aderiscono tantissimi spazi e gallerie, si pone come un grande evento condiviso che abbraccia la città e che la presenta come un unico spazio creativo multiforme, per stimolarlo e promuoverlo di fronte al pubblico internazionale della settimana di ContemporaryART Torino Piemonte: la città è intesa come laboratorio che diventa palcoscenico per nuove pratiche e sperimentazioni, come nella sua vocazione e identità.

img-1_laboratorio-artistico-pietra-pasaj-istanbul_

Sede centrale del festival è Q35, ex spazio industriale sito in Via Quittengo 35, dove avrà luogo l’esposizione (show) dei 20 selezionati dal comitato scientifico, in una ricognizione che definisce una prima mappatura sulla dimensione della produzione indipendente italiana. I 20 progetti vincitori sono stati scelti sulla base dei criteri che informano l’identità stessa di NESxT, ovvero l’esplorazione libera di nuove e sperimentali pratiche relative agli aspetti della ricerca, della produzione, dell’esposizione, dell’associazionismo e della relazione con il pubblico.

14729279_207264966365401_7442792702371784435_n

Centrali i valori della progettualità e la capacità di ideare e dar vita a realtà di networking su più livelli. I progetti selezionati sono Wunderbar+Peninsula (Roma), Zentrum (Varese), Wunderkammer (Trento), Werkbank Lana (Bolzano), Studio Corte 17 (Prato), Spazio Y (Roma), SPAZIENNE (Milano), Rave East Side Artists Residency (Trivignano Udinese – UD), Ramdom (Lecce); N38E13 (Palermo), Museo d’Inverno (Siena), Localedue (Bologna), Le Dictateur+B-tomic (Milano), Giuseppefraugallery (Gonnesa – CI), Frequente (Milano), Current (Milano), Carico Massimo (Livorno), BOCS (Catania), /77 (Milano), Cose Cosmiche (Milano).

img-6_le-dictateur-b-tomic

Un’altra area del complesso è dedicata alla grafica d’arte (graphic), un focus realizzato con il supporto di personalmedia | agenzia di comunicazione, che arricchisce la prima edizione del festival con una selezione di progetti liberi e visionari realizzati da collettivi ed editori indipendenti italiani, quali: AA.VV (Biella), Chicken Broccoli (Roma), Costola (Genova) + Fame (Roma), Elyron (Torino), Presidio Artistico Circolare (Torino), Print About Me (Torino), Tuta (Torino), Venti Dita Studio (Torino).

preidio_artistico_circolare

Parallelamente Bodyteller, un programma di live a 360°, con performance, concerti, talk, visual, djset, video e workshop, prenderà vita nello spazio live di Q35, con ospiti italiani e internazionali, tra cui Clarinde Wesselink (Amsterdam), Mare di Dirac (Torino), Le DIctateur+B-tomic (Milano), Emanuele Vesci (Roma/Berlino), GUP + Paolo Spaccamonti (Torino), EX NUNC (Londra/Web), Vivian Chinasa Ezugh (Nigeria/UK), VestAndPage (Gemania/Italia), Le Ragazze del Porno (Italia), Tweedo e Dario Timpani (Torino), Gandalf (Torino), Ambra Gatto Bergamasco ed Edegar Fernando Starke (Dublino/Berlino).

img-7_sabrina-casadei-roma-kime-installazione-mobile-2016

Q35 ospita il festival dal 4 al 6 novembre, mentre è già attivo dal 27 ottobre il circuito off di NESxT, che coinvolge oltre 20 spazi culturali della città in una serie di mostre ed eventi; tra questi due collaborazioni internazionali con Istanbul e Marsiglia, a esemplificare il network di relazioni che NESxT intende costruire tra le realtà italiane ed estere.

WEB * www.nesxt.org/festival/