BOOKS
* PAOLA GUAGLIUMI

by Valentina Mosè

L’arte spiegata ai truzzi

Conosco Paola Guagliumi da un po’ di anni e di lei ho sempre ammirato l’ironia e la grande competenza artistica. Per dare un quadro di chi è vale la pena raccontare di quella volta che eravamo dalle parti di via Giulia e cercavamo un rifugio dal freddo per farci un tè, un pasticcino e due gossip sui Mumford&Sons. Paola si ferma davanti alla Chiesa di Santa Maria dell’Orazione e delle Morte, uno dei migliori esempi di complesso religioso del Settecento a Roma che io –ovviamente- non conoscevo, e mi fa notare la grandissima modernità dei teschi sulla facciata. E conclude: “Aò, meglio de Alexander McQueen e stavamo nel ‘700, eh!”. Ecco, Paola è così: è capace di unire il “sacro” dell’Arte (quella con la A maiuscola che studiavamo sull’Argan al liceo) con il “profano” del quotidiano e della battuta dissacrante alla romana.

copertina

L’elenco aneddotico di questo tipo potrebbe proseguire per giorni se non fosse che Paola Guagliumi alla fine del 2012 ha aperto un blog – forse un po’ per scherzo, forse un po’ sul serio- e che ora da quel blog è nato un libro, L’arte spiegata ai truzzi (nella loro lingua), edito da Mimesis.

* “L’arte spiegata ai truzzi [nella loro lingua]”: che significa questo titolo e chi sono i  tuoi interlocutori?

La sfida è spiegare l’arte al truzzo medio, localmente noto anche come “coatto”, “tamarro”, “zarro”. Lui (o lei) è il destinatario ideale, cui mi rivogo con paziente e speranzosa sollecitudine; ma ovviamente il mio pubblico è assai vario, e include molte persone di buona cultura, ma che magari trovano ostici gli scarabocchi di Kandinsky o le ormai opache iconografie religiose dei quadri trecenteschi.

tiziano1

* Secondo te, quindi, è possibile parlare di un quadro classico come “Amore sacro e amore profano” di Tiziano in un linguaggio che non sia quello aulico dei grandi critici d’arte?

Deve essere così, o siamo fritti. L’arte è impastata di vita. Questo quadro era un regalo di nozze: le due famiglie erano state a lungo nemiche, e ora tramite il matrimonio si faceva pace. Ogni dettaglio del quadro rappresenta un ingrediente nella ricetta per il matrimonio perfetto: e l’ingrediente principe è l’equilibrio. Insomma, niente da invidiare alle moderne riviste di gossip o ai libri di self-help sui rapporti di coppia.

Fountain 1917, replica 1964 by Marcel Duchamp 1887-1968

* E come la giustifichi ai truzzi la “Fontana” di Duchamp? Qualcuno ti risponderà che è solo un “pisciatoio”…

Duchamp fa proprio questa domanda provocatoria: “ma se io espongo un pisciatoio in un museo, diventa automaticamente arte?”. La storia in un certo senso ha risposto. Ma ognuno di noi, truzzi compresi, è chiamato a sua volta a rispondere.

gentileschi_judith

* Ora una domanda veramente truzza – immaginami come la ragazza di Ruggero, Fiorenza, in “Un sacco bello” mentre ti chiedo-: “Ma le donne del passato l’arte nun la sapevano fa’?”

A Fiorè, e ciai raggione! Purtroppo di donne artiste in passato ce n’erano poche, come d’altronde poche donne scrittrici o scienziate o medico. Questo perché le donne non studiavano e il loro unico ruolo era in pratica quello di madre e moglie. Ma qualcuna ce n’era, come Artemisia Gentileschi. Eccola qua che dipinge l’eroina biblica Giuditta mentre decapita Oloferne. Un soggetto scelto a caso? Leggetevi la storia di Artemisia e capirete che forse no.

bartolomeo_pinelli

* Come ultima domanda invece, fai finta di dover presentare un’opera a Pierfrancesco Savino che ti ha chiesto di trovargli qualcosa di “romano al 100%”. Quale presenteresti e perché? 

Ovviamente le stampe di Pinelli con le storie di Meo Patacca! Più romano de così se more. Pinelli è il miglior ritrattista del popolo romano. Meo Patacca da parte sua era un vero coatto locale. Una volta cercò di mettere insieme un po’ di truzzi per andare a combattere i turchi: quando stavano per partire, gli arriva la notizia che gli austriaci già hanno vinto e ricacciato il nemico. Però aho, la spesa l’avevano fatta… hanno tirato fuori pagnotte e salamelle, e tutto è finito come sempre a tarallucci e vino. E la fidanzata gli ha pure detto sì.

WEB * http://lartespiegataaitruzzi.tumblr.com/ 
Per acquistare il libro: http://mimesisedizioni.it/l-arte-spiegata-ai-truzzi.html