FESTIVAL
* PICCOLO FESTIVAL DELLE DIECI NOTTI

by Redazione DATE*HUB

Questo piccolo grande festival

Manifesto2

Dal 26 luglio al 4 agosto torna a Roma il Piccolo Festival delle Dieci Notti, un evento fatto di musica e parole, ad un passo da Castel Sant’Angelo. Nato nel 2015 da un’idea di Lucio Villani, un festival che è “piccolo” solo perché accoglie formazioni di numero ridotto, ma che è invece grande nel ricreare l’intimità di un salotto tra amici, fatto di suoni ed emozioni nel cuore di Roma.

Traindeville

Traindeville, in concerto il 25 luglio

Per dieci notti, a partire dalle 21.30 circa , su un piccolo palco si aspetta il buio ascoltando Michele Botrugno che legge brani di letteratura selezionati da Alessandro Carbone. Alle 22.30 i libri lasciano lo spazio alla musica che prosegue non oltre mezzanotte. Interpreti dei concerti sono prevalentemente formazioni di numero ridotto, duo e trio, per mantenere l’atmosfera rarefatta delle letture iniziali. 


river_blonde

River Blonde in concerto il 2 agosto

E se la prima edizione aveva visto il susseguirsi di un intreccio policromo di proposte musicali (dall’armonica di Greg Izor ai sassofoni di Giancarlo Maurino e Mauro Verrone, dalle storie narrate da Richard Ray Farrell alla magia delle canzoni di Filippo Gatti), quest’anno il festival si prospetta, prevalentemente, come un omaggio sensibile e ricercato al blues, con qualche proposta in più che esce dal seminato: il jazz del Bottalico-Creni-Ciancaglini-Fumagalli Quartet, in concerto il 29 luglio, ad esempio.  

Anania

Giulia Ananìa, REM – Rome Emotional Map il 26 luglio e il 7 agosto (III-IV tappa)

O, ancora: Giulia Ananìa, che al Piccolo Festival porta 2 tappe di REM – Rome Emotional Map, un progetto in cui la cantautrice romana “mappa emozionalmente” la capitale con uno spettacolo site specific per ogni quartiere della città. Ogni tappa di REM parte da una passeggiata consapevole insieme alla sociologa urbana Irene Ranaldi e arriva al concerto in cui si intrecciano canzoni storiche, stralci di film e reading che raccontano il quartiere dal passato al presente.

Sbergia

Veronica Sbergia & Max De Bernardi in concerto il 31 luglio

La line-up che costituisce il cuore del festival prevede nell’ordine The Hay Bale Stompers, Lino Muoio Mandolin Blues, Kozmic Blues, Rico Blues Combo, Veronica Sbergia in duo con Max De Bernardi, Alberto Marsico & Organ Logistics, River Blonde, Sax Gordon Beadle & Luca Giordano Band, Marco Pandolfi e Roberto Luti.

Pandolfi-Luti,2

Marco Pandolfi e Roberto Luti in concerto il 4 agosto

Musica in libertà, invece, per il prefestival (dal 23 al 25 luglio) e il post- festival (dal 5 al 7 agosto) con Simone Nobile and his Jukes, Orchestra Cocò e l’omaggio a Django Reinhardt di The Philosophists special guest Daniel John Martin.

Letture di David Foster Wallace il 30 luglio

Letture dal gusto USA (Bukowski, Hemingway, David Foster Wallace) e italiane (Calvino, Buzzati, Flaiano) anticiperanno i concerti collocando libri e scrittori in uno spazio intimo e raccolto dove sia facile portare a galla il loro “Senso della visione”, tema di questa edizione.

WEB* www.piccolofestivaldellediecinotti.it