FESTIVAL
*INCHIOSTRO 2016

by Redazione DATE*HUB

Illustratori, calligrafi e stampatori

21x29,7Inchiostrofficial2016

Dopo un anno di intenso lavoro organizzativo, e di collaborazione con i workshop nelle scuole per “Inchiostro Formazione”, arriva l’evento che per un weekend coinvolge il pubblico avvicinandolo all’arte in modo diretto e partecipativo. Si tratta di un vero e proprio laboratorio, aperto al pubblico, dove gli artisti realizzano dal vivo le loro opere fra illustrazione, calligrafia e stampa d’arte. Il Chiostro di Santa Maria di Castello, che risale al XII secolo, accoglie tutti nel cuore del quartiere più antico, Borgo Rovereto. Per due giorni, sabato 4 e domenica 5 giugno, la città di Alessandria sarà invasa da oltre 40 artisti, di provenienza nazionale e internazionale, che lavoreranno dal vivo en plain air.

Maestro_Matsuyama_performance

Progetto Associa, coordinamento di Associazioni e cittadinanza attiva, organizza la manifestazione e trasforma la sua sede in una vera e propria residenza d’artista: gli artisti sono ospitati nel chiostro per lavorare, pernottare, vivere, confrontarsi, esibirsi e coinvolgere il pubblico in workshop, presentazioni, incontri e spettacoli che durano un intero fine settimana con un programma fittissimo.

Illustrazione_Bongiorni_scalata

Francesco Bongiorni

Gli artisti selezionato sono moltissimi e sempre diversi ogni anno, per l’edizione 2016 sono Andrea Mozzato, Andrea Serio, Arianna Vairo, Cristiano Baricelli, Eleonora Bonanzinga, Elisa Talentino, Elisabetta Benfatto, Gaia Bernasconi, Jacopo Rosati, Johnny Cobalto, Lorenza Natarella, Margherita Gazzola, Matteo Anselmo, Matteo Cuccato, Matteo Gubellini, Mauro Chiarotto, Mauro Mazzara, Rita Petruccioli, Roberto La Forgia, Sergio Olivotti, Sergio Ponchione, Stefano Zattera e dalla Spagna Maria Herreros, Francesco Bongiorni, Menchu Fernandéz mentre da Kiev Sergiy Maidukov.

Illustrazione_tigre_Jhonny_Cobalto

Jhonny Cobalto

Fra i calligrafi Chiara Riva, Massimo Polello e Piero De Macchi mentre nella fucina della stampa sono presenti la Stamperia d’Arte 74\b, con Ivan Pengo, Moreno Chiodini, Bruno Depedri, Sara Ruggeri, il Print Club Torino, con Ilaria Reposo, Joe Quercia e Luisella Cresto), Betterpress Lab con Francesca Colonia e Giulia Nicolai, infine l’Antica Stamperia d’Arte Busato. A loro, insieme agli altri illustratori, calligrafi e stampatori d’arte è affidato il compito di dare “colore” al festival dell’arte in bianco e nero.

Studio_font_WDC2_De_Macchi

Piero De Macchi

« Solo grazie al costante aumento del seguito e della partecipazione del pubblico, confermata nella terza edizione del festival, lo staff organizzativo ha potuto proseguire allargando la visione e disegnato la nuova edizione – dice Giancarlo Sansone, uno dei co-fondatori e organizzatori della manifestazione – L’anno scorso abbiamo accolto nel festival oltre 6.000 visitatori complessivi nel weekend, un pubblico che sperimenta insieme agli artisti ospiti, tutti differenti nello stile ma uniti nell’eccellenza della manualità e dell’espressione grafico-visiva ».

Impiastro 2016

L’area per i più giovani è quella che è cresciuta maggiormente esordendo con un vero manifesto di “Impiastro Festival”, disegnato da Mauro Gatti, per un festival nel festival. L’area workshop dedicata a bambini e ragazzi, da zero a 14 anni, propone laboratori gratuiti ed è da coordinata da Enrico Francescon, Valentina Biletta, Michela Gasparini e Nadia Abate di Animàni.

Il lavoro live degli artisti ospiti porta alla luce del sole la parte della creazione con una partenza a fogli bianchi della cartiera Favini, consegnati all’arrivo insieme ad un kit di attrezzature per artisti della Pentel, che vengono poi appesi ad asciugare creando di fatto un evento differente ad ogni ora in cui il pubblico la visita. Per coinvolgere il pubblico ulteriormente, in prima persona, sono organizzati una serie di workshop gratuiti (su prenotazione on line) che mettono lo spettatore al centro della manifestazione e lo trascinano a vivere veramente due giorni d’arte, calligrafia e stampa manuale tradizionale.

stampa_serigrafia_manifesto

La sera del sabato si caratterizza con l’alternanza di spettacoli e performance, la “battaglia” fra illustratori che si sfidano a colpi d’inchiostro su maxi schermi, con un tappeto sonoro, un dj set notturno con proiezioni a cura di Paper Street. Il pubblico attivo e coinvolto sabato e domenica non ha limiti di età. Il tema che ispirerà gli artisti quest’anno è “Traiettorie”. Tutto è in movimento. Per quanto fissa possa sembrare la posizione di un oggetto, di un essere vivente o di un pensiero, essa è in movimento. Ogni cosa nell’universo traccia una linea che segue una traiettoria curva che, ad ogni punto di intersezione, ad ogni incontro con altre, viene suggerita in una nuova potenziale direzione.

Illustrazione_Gaia_Bernasconi_OhMyGoat

Gaia Bernasconi

Il concorso giovani di Inchiostro Festival è il cuore della manifestazione, “open” e gratuito per tutti fra i 16 e i 25 anni offre ai tre vincitori la partecipazione all’edizione successiva, come artisti in cartellone, per lavorare al fianco degli artisti professionisti. Nella scorsa edizione partecipò il vincitore del concorso 2014, Martoz (Alessandro Martorelli), che ora si trova ad avere l’onore della copertina della nuova rivista “Illustratore Italiano”, dopo aver avuto modo di presentare due mostre a Parigi e Mosca ed essere stato selezionato per la mostra di Illustri, a Vicenza. Una selezione quindi di ottimo livello che punta ad offrire un’occasione di crescita e promozione delle migliori promesse in questo campo, come sarà in quest’edizione 2016 per Eleonora Bonanzinga e Margherita Gazzola, vincitrici dell’edizione 2015. Gli artisti ospiti sono anche la giuria che che seleziona i vincitori del concorso giovani, in apertura di Inchiostro Festival, con un momento importante di confronto prima dell’apertura al pubblico. Le porte del Chiostro si aprono alle 14:30 per dare vita alle attività di performance dal vivo, workshop, apertura mostre, dibattiti, presentazioni, incontri e scambi sui temi delle tecniche di stampa tradizionali, dell’incisione, della calligrafia e della serigrafia.

Workshop_Serigrafia2

Nella Fucina di Inchiostro, l’area dove illustratori e gli stampatori d’arte realizzano tirature limitate di opere co-progettate sul tema Traiettorie, si rivive lo storico incontro fra Maestri artigiani e artisti. Un’esaltante bottega d’arte che unisce ispirazione e tecniche di stampa manuale di vario genere per una produzione che sarà destinata, nel tempo, a rimanere un prezioso esempio d’arte nella collezione permanente del Festival e un prelibato pezzo raro per i collezionisti e per chi vorrà acquistare o partecipare all’asta di domenica pomeriggio. In particolare alcune delle stamperie presenti porteranno dei veri tesori realizzati con altri artisti durante l’attività di questi anni, e anche queste opere saranno in vendita diretta. Le opere realizzate e le tirature limitate, come quella di Riccardo Guasco (ndr. vedi foto) stampata in sole 24 copie numerate dal Print Club Torino, sono un contributo fondamentale per finanziare la manifestazione e renderla sostenibile per questo e per i prossimi anni.

Traiettorie_tiratura_limitata_Riccardo_Guasco

WEB* inchiostrofestival.wordpress.com