FOOD
*#IKEATEMPORARY

by Redazione DATE*HUB

All’insegna del buon gusto.

#IKEAtemporary_Zerobriciole_26-5-2015_1__fotoLauraFantacuzzi

Per tutta l’estate e fino al 30 settembre, il giovedì, il sabato e la domenica, Ikea diventa un temporary store in quel di Via Vigevano, 18 a Milano. Grazie alla collaborazione con Opendot, #IKEAtemporary nei tre giorni dedicati interamente al tema cibo vedrà svolgersi eventi, incontri , workshop, sperimentazioni pratiche e lezioni di cucina creativa all’insegna di macrotemi affidati a esperti come: òbelo, TourDeFork, I Tradizionali, Zigzagmom, Food For Good, Calembour Design.

ClaudeMarzotto_MaiaSambonet#IKEAtemporary_fotoLauraFantacuzzi
#IKEAtemporary_eventigiugnoluglio-1
ClaudeMarzotto#IKEAtemporary_fotoLauraFantacuzzi

Lo spazio di via Vigevano 18 suggerisce quindi idee e soluzioni, in un sistema in cui i consumatori diventano parte di una community, e in cui vengono attivate nuove modalità di fruizione degli oggetti.

#IKEAtemporary_Zerobriciole_26-5-2015_2__fotoLauraFantacuzzi

Bio*OPENDOT – Un makerspace, un fablab, un luogo d’incontro e di scambio, una fucina di sperimentazione, innovazione e ricerca. È la realtà fondata da dotdotdot insieme a un network multidisciplinare unito dalla filosofia della collaborazione e condivisione di conoscenza. Con opendot dotdotdot si apre alla città, alle esigenze di aziende e professionisti del mondo del progetto, mettendo a disposizione competenze e sensibilità maturati in questi anni. opendot è uno spazio di progettazione e produzione dove design, tecnologie digitali e artigianato si fondono e dove modelli d’innovazione alternativi generano soluzioni per aziende, istituzioni e professionisti. Ponendosi come punto di incontro tra nuove competenze e saperi tradizionali, opendot intende innescare cambiamenti che vedono nell’opensource e nel know how tecnologico nuove opportunità di crescita a livello formativo, progettuale, produttivo e di ricerca. opendot progetta design table e hackathon per aziende, organizza talk, workshop formativi di differenti livelli di complessità e campi progettuali, come il design, l’interaction design, il food design, l’architettura e la moda. opendot è uno spazio aperto a tutti. Attraverso una formazione ‘learning by doing’ si vogliono dare gli strumenti necessari perché ognuno sia in grado di diventare autonomo lasciando spazio alla propria libertà di espressione creativa. Il coordinatore è Enrico Bassi, designer e già coordinatore del primo fablab aperto in Italia, a Torino. Il makerspace è suddiviso in diverse aree di lavoro: falegnameria, prototipazione rapida, elettronica, tessile, cucina e mette a disposizione diverse attrezzature e una serie di macchinari per la fabbricazione digitale. opendot si distingue per i servizi offerti ad aziende, istituzioni, scuole e privati volti alla ricerca e allo sviluppo. Un’esigenza molto sentita da parte dello studio dotdotdot che dando avvio a questa nuova avventura festeggia i suoi primi 10 anni: “Crediamo sia importante per un’azienda aprirsi al mondo della ricerca inglobando figure professionali, dinamiche di produzione di idee e metodi di prototipazione, che concepiscano la sperimentazione e la condivisione come base per lo sviluppo e l’innovazione. Per poter accelerare la spinta all’innovazione delle aziende riteniamo necessario inserirsi in una visione che contempli nuovi metodi di approccio progettuale e di ricerca allargata, con l’apertura alle community open source, in modo da poter attingere a risorse esterne sempre nuove, innovative e implementabili”.

opendot