CINEMA
*MORTDECAI

by Federica Lippi

Un film da lisciarsi i baffi!

POSTER-MORTDECAI

Quando esce un film con Johnny Depp hai sempre una certezza: il suo personaggio sarà fuori dagli sche(r)mi (decidete voi se questa è una cosa positiva o no…)
Stavolta ci ritroviamo Johnny  nelle vesti un po’ dandy di Charlie Mortdecai, aristocratico mercante d’arte inglese sull’orlo della bancarotta. I servizi segreti lo reclutano per ritrovare un dipinto di Goya trafugato da un criminale misterioso e lui accetta l’incarico dando vita a una rocambolesca avventura ai quattro angoli del mondo (a tal proposito, molto azzeccata e d’effetto la grafica dei voli aerei di città in città).

MO_D01_00075.NEF
MO_D07_01314.NEFMO_D04_00917.NEF

Insieme a lui la moglie Johanna, una Gwyneth Paltrow, forse un po’ troppo preoccupata  di mostrare al pubblico come l’età che avanza non intacchi minimamente i suoi fianchi, il fedele servitore Jock, un Paul Bettany insolito e senza scrupoli, forse il personaggio più simpatico del cast, e il vecchio amico Alistair Martland, detective dei servizi segreti interpretato da Ewan McGregor, lui sì un po’ invecchiato e sempre più simile a Jeff Bridges.

MO_D38_06582.NEF4V5C8597.CR24V5C8517.CR2

Il cast all star dà vita a una commedia action in cui vengono frullati in parti uguali Indiana Jones, Sherlock Holmes (sia il serial TV che le pellicole di ultima generazione), la Pantera Rosa di Blake Edwards e Guy Ritchie.
Forse né il ritmo né i personaggi saranno memorabili, ma il film resta un piacevole divertissement per gli amanti di piani assurdi, sfide a singolar tenzone, feste in ville principesche e, ovviamente, baffi all’insù, che diventano, allisciata dopo allisciata, un vero e proprio protagonista del film! Tanto che è stata creata una divertente app con cui “baffizzare” la propria foto in puro stile Mortdecai, la trovate a questo LINK.
E certo, lo ameranno anche tutti quelli che non sono mai stufi dei personaggi pieni di tic e manie del sempre esagitato e fascinoso (forse ieri più di oggi) Johnny.

premiere

La premiere tedesca “baffizzata”!

WEB* Facebook