HANDMADE
*YLENIA TAGLIAFRASCHI

by Viola Von Hell

Yummy!

Ylenia_1

Ho conosciuto Ylenia Tagliafraschi diversi anni fa in Toscana e sono stata subito colpita dalla sua originalità, ha spesso indosso qualcosa creato da lei ed è impossibile non collegarla al Giappone. Nasce a Prato, assidua frequentatrice della scena Punk italiana, la sua passione verso la cultura nipponica e il do it yourself  l’ha spinta a sperimentare l’arte dell’Amigurumi. L’amore e il rispetto per la natura la portano a ricreare tanti tipi di verdure e animaletti il tutto customizzato da faccine solari e sorridenti, a volte un po’ buffe.

Ciao Ylenia, è un piacere intervistarti per DATE*HUB, ti andrebbe di spiegarci in cosa consiste l’arte degli Amigurumi?
Ciao! il piacere è tutto mio, emozionantissima. Dunque, la tecnica Amigurumi nasce in Giappone (e dove altro sennò) e con questo nome s’intende l’arte di lavorare all’uncinetto (a volte anche a maglia) piccoli animaletti, cibi, dolcetti, oggetti o personaggi.

tattoomachine_ylenia
Gli Amigurumi non hanno un uso pratico, sono creati e collezionati per ragioni estetiche. Devono essere carini insomma o come direbbero in Giappone, Kawaii!!!

Ylenia_2
Ylenia_3
Ylenia_4

È stato difficile da apprendere come tecnica? Come hai iniziato a sperimentare, da dove si parte?, io davvero non ho idea, tremo solo al pensiero di prendere in mano ferri e lana.
La si può imparare tranquillamente, io per esempio prima di conoscere gli Amigurumi non sapevo nulla di uncinetto!
Ho cominciato da autodidatta, quindi ecco l’inizio è stato un po’ complicato, ho passato ore e ore e ore a guardare tutorial su youtube solo per cercare di capire cosa dovevo fare, cosa avessi davanti (e in effetti i primi esperimenti erano delle cose orribili da vedersi). Alla fine però grazie all’aiuto di internet e con un po’ di fantasia e tanta costanza ce l’ho fatta. Dopo diventa come una droga, giuro!

Ylenia_5
Ylenia_6
Ylenia_7

Quali sono i soggetti realizzabili e quali sono quelli che preferisci fare?
Personalmente amo riprodurre verdure o cibi buffi, mi divertono. mi piace pensarli già in un contesto da “cibi veri” per esempio i panini su un vassoio o in un cestino di plastica, le verdure in una cassetta di legno oppure vicine a una piccola bilancia. Però ecco, quasi tutto è riproducibile, dipende sempre dai gusti personali, c’è chi ama i dolcetti, chi i pupazzetti a forma di animale. Questi sono i grandi classici!

Ylenia_8
In linea di massima tutto ciò che riesci a scomporre in una o più forme (forme sferiche, coniche, mezze sfere) può poi essere riprodotto e assemblato: nei libri giapponesi si trovano foto di veri capolavori.

Ylenia_9
Ylenia_10
Ylenia_11

Da poco, se non sbaglio, hai iniziato a tenere dei workshop al riguardo, come si svolgono?
Si, di solito si svolgono a Bologna, ma spero di riuscire a farne alcuni anche in Toscana. Il livello dei partecipanti è sempre vario: di solito ci ritroviamo in qualche posto comodo e ci mettiamo subito all’opera. Prima parto con un po’ di spiegazioni di base e poi cominciamo  con la pratica così che di solito nel giro di poche ore ognuno riesce a realizzare e a portarsi a casa un Amigurumi fatto e finito.

Ylenia_12
Ylenia_13

Hai partecipato anche a delle esposizioni, mercatini di artigianato o quant’altro?
Quando posso partecipo a vari mercatini Handmade in Italia, primo su tutti il Band Loch di Bergamo (support!) o il Miss you Santa a Bologna e Festivalèt a Barcellona, però ecco il tempo è sempre poco e le cose da fare molte…

Ylenia_14
Ylenia_15
Ylenia_16

Dove possiamo vedere le tue cose?
Se li volete vedere di persona e siete in zona Bologna allora potete trovarli da Zoo, Inuit e Senape vivaio urbano e presto anche a Milano da MokaLab. Altrimenti qua: www.ohioja.blogspot.it

Ylenia