DESIGN
*ALBURNO

by Giada Toso

Giochi di legno per bambini veri

Ritratto-Nicolò

Dalle Prealpi biellesi con la loro tradizione artigianale legata alla lavorazione del legno, Nicolò Bottarelli ci racconta la nascita del suo marchio Alburno.
La parola alburno indica “la parte legnosa più chiara del fusto degli alberi e si trova tra la corteccia e la porzione più interna detta durame. Attraverso l’alburno scorre la linfa ascensionale”. L’idea alla base di questo marchio di design è proprio questa: la creazione di oggetti che non sono solamente ricavati da un materiale grezzo ma prodotti artigianali che sono il risultato della continua evoluzione della loro materia prima, il legno.

08_TILACINO

Piccole serie di giocattoli che sembrano usciti da epoche lontane ma che hanno un intento fortemente legato all’attualità, oggetti di design e d’arredo, questo è il mondo di Alburno che DATE*HUB ha incontrato per voi.

1_handamade

Ciao Nicolò, benvenuto su DATE*HUB! Raccontaci com’è nata l’idea di Alburno e qual è la sua filosofia.
Mi occupo di comunicazione da ormai più di dieci anni. Il mio approccio è sempre stato molto artigianale, spesso utilizzavo carta, legno e altri materiali per poter sviluppare immagini e grafiche.
Ho sempre avuto però un forte interesse riguardo al design di prodotto, non solo dal punto di vista visivo/estetico ma ancor di più dal punto di vista produttivo. Così dapprima ho frequentato corsi presso dei falegnami e poi ho iniziato a lavorare il legno in una piccola bottega in un modo più professionale.
Con le conoscenze acquisite sia nel campo della comunicazione che in quello artigianale ho deciso di creare, all’inizio del 2012, il marchio Alburno.
La filosofia del marchio è proprio quella di creare dei prodotti realizzati artigianalmente, non solo belli e funzionali ma che possano raccontare una storia, un pensiero, una riflessione, sempre nel rispetto dell’uomo e della natura.

06_HIPPIE
05_HIPPIE-set-completo

Perché il legno è l’unico materiale che utilizzi?
Perché è il materiale che più mi appartiene, sono nato e vivo a Biella, anche se per molti anni ho vissuto a Milano, e sono stato abituato fin da piccolo a frequentare i boschi delle Prealpi biellesi, popolati di alberi di faggio, acero, noce… Inoltre il legno è un materiale vivo, tende a muoversi in base all’umidità e al tempo; questo fa sì che i miei prodotti portino con se un pezzetto di anima dell’albero da cui provengono. Non per niente la scelta del nome stesso del marchio: l’alburno è la parte chiara che si trova all’interno del fusto dell’albero ed è dove scorre la linfa. Sempre mantenendo un forte legame con la natura e la memoria, in questo momento però sto cominciando ad esplorare altri materiali, come il vetro e la pietra, elementi che possano convivere ed integrarsi con il legno, che vorrei rimanesse il materiale di riferimento.

La collezione LAST comprende piccoli giocattoli in legno che rappresentano animali ormai estinti o in via d’estinzione. Come è nata questa collezione?
Nel 2011 è nato il mio primo nipotino. Questo avvenimento mi ha stimolato a pensare a dei giocattoli da potergli regalare che potessero essere, oltre che divertenti, anche educativi. Lo spunto è nato da una riflessione sull’attuale situazione ambientale del pianeta, e sulla responsabilità che ognuno di noi ha nell’insegnare alle nuove generazioni una coscienza ecologica e di rispetto del pianeta. Gli animali in legno LAST, nati l’anno successivo e presentati al Salone del Mobile 2012, rappresentano l’essenza del marchio Alburno proprio perché, oltre al design, stimolano una riflessione su un tema contemporaneo.

07_LAST

Parliamo di un altro progetto limited edition che hai realizzato in collaborazione con The Wool Box: la pecorella Hippie, venduta in kit con un gomitolo di lana. Qual è la sua idea di fondo?
The Wool Box è una realtà biellese che si occupa di selezionare ed utilizzare lane autoctone italiane e straniere per la produzione di capi.
In linea con il progetto LAST ho individuato una razza di pecora in via di estinzione, la Leicester Longwool, chiamata Hippie e ho creato un nuovo giocattolo che viene venduto insieme con la lana che The Wool Box recupera dalla pecora stessa. In questo caso il concetto di tutela dell’ambiente è rafforzato dal recupero non solo della lana della pecora ma anche da un gesto antico come il filare e lavorare la lana: infatti, nella confezione si posso trovare anche dei ferri da maglia, rendendo contemporanei i valori di un tempo.

2_Arredo
03_BAIJI

Ma Alburno non comprende solo giocattoli. Cos’altro possiamo trovare nello shop di Alburno?
Tutti i prodotti presenti sul sito si possono acquistare o su ordinazione o tramite lo shop online, tra cui oggetti per la casa e complementi d’arredo. Come ho già accennato prima, sto esplorando l’utilizzo di nuovi materiali; posso già anticipare che già dal mese di dicembre sarà disponibile una nuova lampada realizzata in vetro soffiato e legno, sempre realizzata artigianalmente.

porta-pc-2
tramp

Da dove prendi l’ispirazione per i nuovi progetti?
Per me la cosa più importante non è creare nuovi oggetti fine a se stessi, ma come già accennato prima il mio intento è poter dare un messaggio. I giocattoli LAST sono i primi prodotti che incarnano appieno questo spirito. Prendo ispirazione principalmente dalle esperienze di ogni giorno per quanto riguarda il lato più concettuale, ma allo stesso tempo sono molto affascinato dal lato più produttivo e spesso scopro una forma da un metodo di lavorazione.

WEB* alburno.com • shop online