ILLUSTRAZIONE
*RAOUL MAZZERO

by Viola Von Hell

De profùndis clamàvi ad te.

photoLe illustrazioni di Raoul Mazzero mi fanno pensare a qualcosa di magico, in un rimando inconscio che mi porta con l’immaginazione a Pentacoli e formule in latino, come De profùndis clamàvi ad te. Se incontri Raoul  per strada emerge subito il suo lato Dark e Black Metal. Nasce nella gelida Treviso, una cittadina vicina a Venezia, in Italia. Nei suoi disegni, appaiono enigmatiche parole che sembrano arrivare dal profondo degli abissi, con un accento decisamente oscuro.
Il suo progetto View from de Coffin, recentemente citato nell’intervista a Pietro Solo, è pressoché composto dalla creazione di loghi per band musicali. Una fitta rete di linee si interseca come radici dando vita a prodotti veramente singolari. La Sua fame di informazioni viene spesso  appagata durante i suoi numerosi viaggi in Norvegia, Germania, Olanda, Repubbica Ceca, Boston e NY di cui si è “cibato” come un cannibale.

Chiediamo a RAOUL  di raccontarci qualcosa di se…

Ciao Raoul da dove nasce la ricerca ossessiva e l’ uso del lettering?

Diciamo che le prime influenze sono arrivate da bambino vedendo mio padre (allora grafico) lavorare con impaginazioni e testi, ma ho sempre avuto la passione per il disegno fin dalla tenera età. Poi, prima frequentando la scuola d’arte e poi muovendo i primi passi lavorativi nelle tipografie e studi grafici è arrivata la vera e propria “folgorazione” per il lettering, complice anche un parallelo percorso nel writing, forse la cosa che di più ha tolto i paletti istituzionale nell’evoluzione e stravolgimento delle lettere. Per un periodo ho studiato in maniera quasi maniacale gli stili dei caratteri e qualche volta mi son anche cimentato nel disegnarli e digitalizzarli, è stato parecchio divertente e costruttivo, ma mai come nei graffiti.

vftc-190
1240438_454721204643331_341860350_n

Oltre  a creare loghi, crei anche illustrazioni?
Sì, diciamo che mi cimento anche nel disegno e illustrazione anche se non mi reputo per niente un illustratore… son sempre stato affascinato dalle incisioni medievali e un po in genere tutta la parte illustrativa dei manoscritti antichi, ma sono quelle cose che hanno avuto il loro tempo e i loro maestri… in generale il periodo gotico è quello che più mi affascina, per ciò che evoca e per i mille particolari di cui è strutturato. ciò nonostante ci sono moltissimi altre correnti (anche più attuali) che mi ispirano. il percorso che sto attraversando in questo momento è principalmente basato sul bianco/nero ma ultimamente mi sono trovato ad affrontare dei progetti “colorati” soprattutto quando entrano in gioco generi musicali come il domo e lo stoner (parecchio in voga ultimamente). Di conseguenza mi sono approcciato agli acquerelli, cosa difficilissima, se pensi che solitamente l’unico mio strumento è la china nera.

7160_408460835936035_624862280_n
vftc-153
vftc-172

Cosa provi quando ti districhi tra tutte le lettere che crei?
Dall’inizio alla fine di un progetto di composizione di lettere per un logo ci sono 3 step emotivi ben precisi: il primo è la calma, in cui mi concentro rilassato e vado di immaginazione per capire quale è la strada migliore da intraprendere. il secondo è il panico, quando (come sempre) capisco che la strada che ho deciso è più difficile del previsto. la mia peculiarità è la simmetria in qualsiasi caso e a tutti i costi, e quindi spesso e volentieri è proprio quello che mi mette i bastoni tra le ruote. il terzo stato emotivo è la soddisfazione nel vedere che sono giunto a una buona conclusione del progetto compositivo. cerco di essere quasi sempre soddisfatto del risultato, soprattutto perché voglio dare ai committenti un lavoro che reputo valido e funzionale per loro. tutto questo parlando di costruzione delle lettere, poi c’è lo step successivo dove metto il tutto in bella copia, nero su bianco e anche in quel caso le emozioni si fanno sentire, perché detesto sbagliare nel definitivo e forse sono un po’ troppo severo con me stesso.

vftc-217
216610_374158422699610_1427535666_n
vftc-178

Quali sono i tuoi spunti preferiti?
Generalmente non ho degli spunti ben precisi, affronto ricerche diverse per ogni singolo lavoro, che si tratti di lettering o illustrazione stando ben attento anche alle refernce o alle idee che mi passano i committenti. Sicuramente i lavori del maestro Szpajdel han fatto il loro lavoro sulla mia crescita nel campo dei loghi metal, probabilmente senza veder quelle cose non sarei mai partito con questo progetto. Personalmente sto cercando di evolvere un mio stile personale di lettering dove molta ispirazione è tratta dai cancelli antichi in ferro battuto, con delle aste verticali portanti e altre parti curve che si intersecano su questi a formare le lettere, in questo caso le lettere sono tutt’altro che leggibili e spesso danno molto spazio all’immaginazione.

998220_425721617543290_1538850356_n
vftc-179a

Quali sono i progetti che hai illustrato?
Tra quelli a cui son più legato direi il nuovo full lenght dei MORSE (blackened hardcore, francesi) in cui hanno usato l’illustrazione per qualsiasi cosa, vinile, cd, tshirt, sticker e chi più ne ha più ne metta, poi il demo debutto dei KRÖWNN, un trio classic doom della mia zona, Venezia, fa particolarmente piacere perché pur essendo un demo ha suscitato molto interesse sia per la parte musicale che visiva tantè che è alla terza ristampa tra cd e cassetta e sto lavorando attualmente all’uscita in vinile che avverrà a breve. Poi altri svariati tour posters, il più recente del tour americano dei FINISHER e FÓRN di Boston, di questi ultimi ho anche curato il logo, che ha una bella storia e concept dietro. Inoltre mi cimento anche in lavori non propriamente illustrativi per le band, ma più grafici come l’ultimo tour poster dei COUGH e GRIME e l’imminente tour poster dei THE SECRET in Giappone. Attualmente sono all’opera con diverse collaborazioni con altri artisti/colleghi illustratori che vedranno la luce a brevissimo con stampe serigrafie dei miei fidati collaboratori e amici CORPOC e PERPETUAL LAB. Per il futuro uscirà anche l’artwork del full lenght dei Fuoco Fatuo, lavoro molto articolato a livello illustrativo e che musicalmente si farà sentire assai e l’artwork del secondo full lenght dei BASTARD SAPLING di Richmond, una delle band più promettenti nel panorama black metal statunitense. Altre volte invece capita che è proprio il logo a far dai cover art alle release come nel caso di ORHORHO (Black Metal di Livorno), band nuovissima che ha appena sfornato un 3 tracks cd già in ristampa negli USA.

1239828_458238107624974_1686059931_n
vftc-210a
1097966_435610159887769_82707521_n

Hai in programmazione qualche mostra o qualche altro evento dove participerai?
Stiamo definendo un po’ il tutto per una mia personale il prossimo gennaio a Milano da SOLOMUTT Gallery, presso l’ormai noto SAINT MARINER Tattoo Studio di Pietro Sedda, uno degli spazi più interessanti e stimolanti che a mio avviso ci siano attualmente in Italia, con l’occasione dovrebbe anche uscire una monografia sui miei lavori a cui stiamo tuttora pensando, e ad essere sincero non vedo l’ora, sarà l’occasione per vedere persone con cui non ci si vede spesso e anche per far vedere effettivamente in cosa consiste il mio lavoro, dato che vita vuole si veda tutto tramite internet senza mai poter “toccare con mano”. Nell’ultimo mese sono stato contattato per una futura esposizione da qualche parte a Los Angeles o dintorni, ma è ancora presto per parlarne.

vftc-212
1010903_408461279269324_1297406803_n

E per ultimo, ma non meno importante, qual è la canzone che ascolti di più in questo periodo?
Eccola la domanda fetente, è molto difficile risponderti, dato che sono sommerso da nuovi ascolti praticamente tutti i giorni, di continuo mi consigliano nuove band, demo e per i tempi saturi di musica che corrono devo dire che ci sono tantissimi prodotti validi. Ti risponderò quindi sull’immediato, in questo momento è in heavy rotation Naturkraft di HORN, One man band black metal in lingua tedesca, di forte ispirazione mentre lavoro, assolutamente evocativo e weird.

968970_417653665016752_401622512_n

WEB* www.viewfromthecoffin.com
Facebook

vftc-215
vftc-241