DATE*HUB TOUR
*VERONA

by Giada Toso

Scopri Verona!

Ponte Pietra

Spesso durante l’estate le mete cittadine più vicine a casa vengono snobbate in favore di altre che solo per un chilometraggio più lungo danno l’impressione di poterci dare un’avventura ed esperienze migliori. Ma non c’è nulla di più sbagliato che sottovalutare ciò che ci sta attorno! Finché a Verona non ci sono andata a vivere per frequentare l’università, l’ho sempre considerata una piccola e bella città. Ma niente più. Poi, durante gli anni in cui divenne il mio domicilio, ebbi con lei un rapporto di amore-odio che si è trasformato, infine, in un affetto incondizionato che ha portato alla conclusione che Verona è proprio una città a misura d’uomo. Non è una metropoli, non è un paesello di provincia, è la giusta via di mezzo. In realtà a Verona, oltre il balcone di Giulietta, la casa di Cagnolo di Nogarola (detto Romeo!) e l’Arena ci sono una marea di altre cose da vedere. Localini, negozietti unici nel loro stile e posti nascosti dal comune tour del turista alle prime armi…volete scoprirne un po’?

*LUOGHI DA NON PERDERE
Ovvio, se si va a Verona per la prima volta la tetta a Giulietta la si deve toccare. Se volete poi potete anche lasciare un post-it con il vostro nome e quello del/la vostro/a amato/a (non scrivete sul muro, tanto ritinteggiano ogni tot).

Scritte giulietta

Proseguendo arriverete nella bellissima Piazza Erbe, base strategica dell’aperitivo veronese e, se volete godere di una vista esclusiva della città, basterà salire sulla Torre dei Lamberti in Piazza Dante (ecco, magari fatelo prima dell’aperitivo!).
Certo, la foto davanti all’Arena va fatta, basta che in vostra compagnia non ci sia uno di quei gladiatori che dal Colosseo sono emigrati in Veneto…
Ma ci sono almeno altre due zone di Verona che valgono assolutamente la pena di essere viste, magari durante le ore del tramonto, quando il cielo arancione si specchia sul fiume Adige che attraversa la città. La prima è il quartiere di Sant’Anastasia, culla delle osterie più tipiche (non perdete L’Osteria Sottoriva!) e “vecchio stile” della città. Accanto a rigattieri e atelier d’arte moderna, una serie di vie con il ciottolato si sviluppa parallela al lungadige fino ad arrivare all’imponente Ponte Pietra (che apre quest’articolo) per godere della vista del Teatro Romano (in estate ci sono dei concerti imperdibili e una rassegna teatrale dedicata a Shakespeare).

Sant'Anastasia

La seconda zona che dovete assolutamente scoprire è invece quella dell’ex-Arsenale Austriaco. Arrivando dall’Arena e Piazza Bra, vi si accede attraversando il ponte di Castelvecchio da cui si vedono i colli che circondano Verona e gran parte della città. Si arriva così ad un’area verde dove da circa un anno è stata costruita una piazzetta riempita d’acqua ad altezza caviglie e che si è subito imposta come nuovo punto di ritrovo estivo.
L’ex-Arsenale, invece, è la sede di molte iniziative culturali e delle edizioni dell’Arsenale Vintage Market, una novità per gli amanti del vintage della zona, che si svolge in autunno e in primavera.

*DOVE FARE SHOPPING
La città è sufficientemente rifornita di tutte le catene low cost e dei marchi comunemente conosciuti (la maggior parte si trova in Via Mazzini, la via dello shopping). Per chi, invece, cerca uno stile meno omologato eccovi qualche indirizzo.

LAZZARI
Piazza Erbe 15
Orario: lunedì e domenica 15.30 – 19.30 da martedì a sabato 10.00 – 19.30

Lazzari collage 1

Lazzari collage 2

Lazzari è un marchio Veneto al 100%. Una delle sue cinque boutique è situata in Piazza Erbe ed è veramente il tempio dello stile bon ton. Reminescenze francesi, peter-pan collar, abitini di pizzo e ruches sono realizzati con la cura e la qualità della lavorazione artigianale. Entrare in un loro negozio offre un’esperienza globale determinata dall’arredamento retrò, dalla scelta delle musiche e degli accessori esclusivi da abbinare ai capi.

WEB* lazzarionline.com

*B-shop
Lungadige Porta Vittoria 21-25
Orario: lunedì 15.30 – 19.30, dal martedì al venerdì 10.30 – 13.30 / 15.30 – 19.30, sabato 10.30 – 14.00 / 15.00 – 19.30

Collage b-shop

In zona universitaria potete trovare B-shop, un negozio in cui è possibile trovare marchi meno “mainstream” ma altrettanto stilosi e adatti agli amanti della cultura indie. Oltre che per la selezione dei capi esposti, B-shop negli anni si è fatto riconoscere anche per gli aperitivi organizzati nel negozio e nello spazio antistante dove la bella gente e la bella musica erano una garanzia.

WEB* Facebook 

Sottosopra 33, vintage contemporaneo
Via Scrimiari 3/a
Orario: dal martedì al sabato 10.00-12.30/15.30-19.30

Collage Sottosopra 1

Collage Sottosopra 2

Questo piccolo spazio vintage, gestito dalla gentilissima Claudia, ha aperto ad inizio anno e direi che se ne sentiva la mancanza dato che a Verona i negozi vintage o second hand non sono poi molti. Sottosopra 33 presenta una selezione accuratissima di abbigliamento e accessori “vintage contemporanei” dagli anni ’50 agli anni ’80. Cercate un elegante turbante per non passare inosservate durante le calde notti d’estate? O magari una bella borsa in pelle con una storia da raccontare? Questo è il posto che fa per voi.

WEB* Facebook

* DOVE MANGIARE E BERE
In Veneto si sa, siamo tutti dei grandi sbevazzoni e non è un caso che tutti i miei posti preferiti siano quelli dove si può bere del buon vino!

Fuoricorso Caffé
Via Nicola Mazza 7

Collage Bar Fuoricorso

Il Fuoricorso è stato la mia meta abituale per fare colazione e aperitivo durante gli anni dell’università (anche se io non sono mai andata fuori corso, sia chiaro!). Sarà lo stile un po’ shabby chic, sarà l’intimo spazio all’aperto che si sviluppa tra il bar e altri due edifici, saranno i mercoledì etnicidove si possono sperimentare aperitivi tailandesi, africani, vegetariani, cinesi… ma questo è uno dei miei piccoli luoghi del cuore.
Il Fuoricorso è molto frequentato anche il giovedì quando l’aperitivo è dedicato all’English speaking hour, occasione perfetta per bere un bicchiere in compagnia di madrelingua inglesi e altre persone che vogliono “improve their english”!

WEB* barfuoricorso.it

Osteria la Mandorla
Via Alberto Mario 23

osteria la mandorla

Questa osteria, simile ad un bacaro veneziano, è un piccolo locale caratterizzato da una vasta scelta di vini e qualcosa di informale ma genuino da mangiare (a proposito, lo spritz viene servito in simpatici vasetti Bormioli!). E’ situata in pieno centro storico a due passi dall’Arena e i prezzi sono veramente contenuti.
L’Osteria la Mandorla è molto conosciuta e apprezzata dai cittadini e soprattutto dal pubblico giovane che si ferma fino a tardi a chiacchierare e a bere in compagnia.

WEB* Facebook

Malacarne
Barassociazione culturale
Via San Vitale 14/a

Malacarne 2
Malacarne Bar associazione

Per la gioventù veronese e gli universitari (di un certo tipo) il  Malacarne è un’istituzione. Oltre all’arredamento retrò ed originalissimo che va ad allestire i locali di un ex macelleria, il Malacarne è un associazione culturale che propone molte attività durante l’anno: dai laboratori di scrittura creativa, ai reading, alle mostre di giovani artisti o fotografi locali.
All’interno è possibile giocare con giochi di società o con il calcio balilla (ma solo fino ad una certa ora perché poi i vicini puntualmente iniziano a rompere).

 WEB* malacarne.it

Locandina Cappello
Via Cappello 16

locanda Cappello

Praticamente di fronte al celebre balcone da cui la storia narra si affacciò Giulietta, è situata la Locandina Cappello. Il locale, che per la propria conformazione vuole ricordare le “bodegas” spagnole, è il posto giusto per uno spuntino o un aperitivo durante la visita al centro storico; qui è possibile scegliere tra un’ampia selezione di vini italiani e spizzicare con le tartine, i crostini e i crostoni preparati sul posto.

WEB* locandinacappello.it

VENICEBERG

Veniceberg 1

A Verona come in un club berlinese? Da quando i ragazzi del  Veniceberg hanno iniziato il loro progetto, è questa l’impressione! Adibire zone non utilizzate della città a punto di ritrovo per ascoltare le session di DJ locali o conosciuti a livello nazionale è stata un’idea vincente.

Veniceberg 2

Durante il primo anno di questa nuova attività, il Veniceberg ha avuto come sede una stazione di benzina in Borgo Venezia dove ogni venerdì notte più DJ si davano il cambio e sperimentavano la loro musica elettronica. Ora l’appuntamento è a settembre con una nuova sede e altre serate underground in una Verona “un po’ ricca e snob”.

 WEB* Facebook

BUONA VERONA!