FASHION
*8-BIT

by Giada Toso

Ecco la Low-resolution Fashion

gif animata

Dopo che addirittura il MoMa di New York qualche mese fa ha deciso di includere i celeberrimi Pac-Man e Tetris in una mostra dedicata ai videogiochi d’antan, anche DATE*HUB non può fare a meno di omaggiare il mondo dei videogiochi con i loro giganteschi pixel. A maggior ragione nell’epoca dell’HD, può succedere che le arti grafiche e la moda guardino con nostalgia ai tempi passati, in particolare agli anni Ottanta e alla sua grafica a 8 bit, portando in passerella la Low-resolution Fashion.


Collage Anrealage 1

La collezione Anrealage di Kunihiko Morinaga è uno degli esempi di ciò che si intende con “moda a bassa risoluzione”. Guardare i capi di questo stilista giapponese è un po’ come quando la professoressa di Storia dell’arte del liceo ti spiega la portata rivoluzionaria dell’Impressionismo di fine Ottocento: solo guardando da lontano l’opera nella sua interezza si ha la percezione globale del soggetto mentre, man mano che ci si avvicina, la complessità della struttura (in questo caso del pattern) risulta sempre più evidente. Qui si parla di tessuti, ma il concetto è lo stesso.

Collage anrealage 2

Quadratino colorato vicino a quadratino colorato, i capi di Morinaga sorprendono per l’esplosione di colore e per il fatto di risultare vintage ed estremamente moderni allo stesso tempo.

Dettaglio MorinagaScarpe Morinaga

WEB* anrealage.com

3

Per dare prova che la nostalgia per la grafica a 8 bit non interessa solo i geek o i giapponesi (che in fatto di moda, si sa, sono un po’ strambi) potete dare un’occhiata ad una collezione tutta europea, più precisamente francese: Melting Pot di Sabine Ducasse.

16d2d23e1505ca9da3ca7223ba38587f838c42485eeb0eba45783d61674d33dac
4ac16124788993e392dfa0d658a1fbb46e11c028f08a8a607f5efa853ceb7fa5

Seguendo lo stesso principio di Morinaga, i capi di punta di questa collezione non sono tanto i coloratissimi vestiti ma le “armature” e gli accessori, realizzati incollando tanti piccoli tasselli colorati di materiale diverso (plastica, gomma, perline). Non so voi ma la forma e l’effetto pixel di queste armature e mascherine mi ricordano la mise di molti personaggi dei videogiochi.

2

WEB* Sabine Ducasse Portfolio

Collage Giles Deacon

L’ultima collezione che vi propongo è inglese, è stata realizzata dallo stilista Giles Deacon ed ha il singolare nome di Pac-Man collection. Credo che le modelle si siano divertite un sacco con quei comodi caschetti in testa e io mi sto ancora domandando come quel casco non sia diventato il must have dell’estate 2009.

pacurlLa moda, si sa, a volte va a braccetto con altre forme di arte grafica. Da questo connubio sono nati altri due progetti nei quali la pixel art la fa da protagonista. Il primo è 8 bit Fashionary, un progetto grafico di Penter Yip, già ideatore delle “moleskine per la moda” (l’agenda Fashionary, appunto), che ha dato vita ad una serie di stampe a 8 bit in cui vengono riprodotti i capi iconici delle più prestigiose case di moda a livello internazionale.

Immagine complessiva 8 bit Fashionary8bit1 8bit2 8bit3

WEB* fashionary.org

Collage street 1

Kevin/ 32 /Teacher & Choi Ji-hee/ 27 /Editor

Il secondo progetto, intitolato On the street, riguarda, infine, la reinterpretazione della street fashion (non di soli The Sartorialist è pieno il web) da parte dello studio coreano di fashion design Serene Weather. I protagonisti delle varie fotografie sono persone comuni, trasformate in seguito in modelli fatti di pixel. Sia loro che i loro outfit, ovviamente. Non è geniale?

Collage street 2

Yoo Mi-rae /22/ Model & Seol Soo-min/ 29 /Office worker

Collage street 3

Ko Yoo-kyung/ 30 /Nurse & Michael Levon/ 27 /Soldier

Collage street 4

Matsumoto hiroshi / 24 / Musician & Hye-jung / ? / Monk

Collage street 5

Hong Si-jin / 32 / CEO & Cha Ji-hyun / 31 / Marketer

WEB* sereneweather.com