FASHION TREND
*GATSBY MANIA

by Giada Toso

Influenze twenties a go-go!

gatby

«Ma Nick dice: “Non si può ripetere il passato”. “Non si può ripetere il passato? Certo che si può!” risponde Gatsby».

12

Nick Carraway, narratore della vicenda e grande amico di Jay Gatsby, ha indubbiamente ragione. Forse non si possono replicare i sentimenti provati in un lontano passato, ma i trend, lo stile e le mode, anche a distanza di quasi un secolo, possono tornare a brillare.

34

La lunghissima attesa che ha anticipato l’uscita de Il Grande Gatsby di Baz Luhrmann nelle sale ha permesso ai maggiori stilisti di tutto il mondo di cavalcare oltre misura il trend dei Roaring Twenties. Le prime avvisaglie del ritorno alle forme e agli stilemi degli anni Venti sono visibili, infatti, fin da alcune collezioni primavera/estate 2012, per poi proseguire anche nelle collezioni autunnali e primaverili di quest’anno.

Collage stilisti famosi

1. Alberta Ferretti p/e 2012; 2. Bottega Veneta p/e 2013; 3. Nina Ricci p/e 2013; 4. Gucci p/e 2012

Ma il mood Gatsby non si è fermato solo alle grandi collezioni dell’alta moda e si è propagato un po’ ovunque, fino a contaminare – ovviamente – le catene low cost ma anche brand meno noti del Made in Italy.

daisy matrimonio 1

Un esempio concreto delle influenze twenties è la collezione primavera/estate di Lazzari, marchio “fatto con cura in Italia”, caratterizzato da colori tenui e tagli retrò che abbracciano varie epoche. I capi scelti sarebbero perfetti per Daisy Buchanan: tulle, pizzi, fiocchi e marinière per i lunghi pomeriggi afosi passati in compagnia dell’amica Jordan Baker o per le scappatelle a casa di Gatsby.

Collage Daisy

1,2,3 e 5. Lazzari; 4. Asos

Daisy 1Daisy 2

Sulle note di “A little party never killed nobody” (per non parlare di tutti gli altri pezzi, sapientemente “orchestrati” da Jay-Z che compongono la colonna sonora del film), Il Grande Gatsby ha risvegliato anche la moda delle ragazze flapper. Tutte coloro che aspettavano con ansia che arrivasse carnevale per indossare vestiti con le frange, cerchietti di diamanti e scarpe scintillanti (io ero assolutamente una di loro), ora possono sfoggiare outfit invidiabili anche durante i week end per raggiungere serate in discoteca o feste esclusive.

Party 1

Collage festa

1. Topshop; 2. Mauro Leone; 3. Asos; 4. Modcloth; 5. River Island; 6. Topshop

Party 4

Infine, anche i gentlemen della nostra epoca possono finalmente ritrovare il buon gusto (e le buone maniere) sull’onda dei ruggenti anni Venti, indossando ghette, papillon, bretelle e pagliette. Certo non tutti potranno permettersi i completi di Brooks Brothers come faceva il “buon vecchio” Francis Scott Fitzgerald, ma anche i marchi più a portata di portafoglio riusciranno a sorprendervi.

daisy+jay 1

Collage Leo

1. “Great Gatsby Collection” Sperry Top-Sider; 2. Carrera; 3. “Great Gatsby Collection” di Brooks Brothers

Gatsby 3

Per chi al cinema si fosse addormentato (mia madre) o fosse ruzzolato giù dalla scalinata cercando di tornare al proprio posto con una bella porzione di pop corn – perdendo inevitabilmente parti essenziali della trama – vi lascio un rapido riassunto dei personaggi principali e delle loro relazioni, gentilmente offerto dall’illustratrice Samantha Sanders.