FOTOGRAFIA
*PAVLOVE

by Sebastiano Barcaroli

Aprite gli occhi sugli artisti con gli occhi chiusi

genio

Il Genio,
Musicians 4:07 pm Studio 75, Milan

PAVLOVE deve aver tenuto gli occhi ben aperti su DATE*HUB per decidere di presentarci la sua originalissima serie INNERES AUGE, scatti fotografici ad artisti, fotografi, designer, musicisti e creativi con un comune denominatore: sono tutti ritratti con gli occhi chiusi. Forse deve aver visto che alcuni dei suoi “modelli” sono già stati ospiti nelle nostre pagine virtuali da Marcello Crescenzi ai Vernissage, da Olimpia Zagnoli a Gianluca Folì e deve aver pensato che le nostre strade si erano già incrociate prima ancora di conoscerci.

Duty Gorn

Duty Gorn,
Artist 6:03 pm Æ Atelier, Milan

pl.5

Alessia Xoccato, Fashion Designer 10:33 am Atelier/Studio Savona 123
Gianluca Folì, Illustrator 11:46 am Home

attilio fontana

Attilio Fontana,
Musician/Actor 10:49 am, Garden Roma

L’idea della serie è di quelle che catturano l’attenzione. Mentre loro chiudono gli occhi, noi, con gli occhi invece ben aperti, li guardiamo e ci sembra di vederli pensare e sognare. E questo vale per ogni creativo del mondo, la serie infatti non solo ritrae creativi di Roma, Milano, Berlino, ma arriva anche ad artisti africani in una serie scattata in Tanzania che PAVLOVE presenta in assoluta esclusiva su DATE*HUB. Lasciamo che le foto di INNERES AUGE, accompagnate da un testo di Arianna Mal,  ci raccontino questi creativi dagli occhi chiusi.

esu

Andrea Esu,
DJ 1:22 pm Home, Roma

pl.1

Luigi Antonio Presicce, Artist 10:02 am Studio/Wunderkammer, Milan
Yusuke Nishimura, Artist 2:32 pm O’, Milan

olimpia zagnoli

Olimpia Zagnoli, Illustrator
11:22 am Home, Milan

Inneres Auge è un progetto visivo cominciato nell’ottobre 2009 a Milano, la città che ha dato il coraggio e la possibilità a molti giovani creativi di trasformare la propria passione nel proprio lavoro. Pavlove è andato a cercarli per ritrarli nel loro ambiente: musicisti, designer, stilisti, fotografi, attori hanno aperto la porta e si sono lasciati chiudere gli occhi per offrire il loro sguardo interiore. Pavlove ha potuto così osservare i soggetti nell’intimità dei loro spazi e cogliere l’essenza di questa relazione.

dente

Dente, Songwriter
3:40 pm Home, Milan

federica moretti

Federica Moretti, Hat Designer
8:52 am Studiomorinn, Milan

pl.3

Massimo Gurnari, Artist/Tatooist 11:36 am Gurnary Family Headquarter, Milan
Paolo Inverni, Artist 8:29 pm O’ , Milan

Gli occhi chiusi sono l’elemento distintivo del progetto, il particolare che in ogni immagine immediatamente ci colpisce. La chiusura dello sguardo nei confronti del mondo esterno, che ispira ma anche disturba il lavoro creativo, coincide con l’apertura della visione verso uno spazio interiore, che permette il raccoglimento necessario alla creazione di un’idea. Pavlove ha composto dei quadri in cui gli spazi sembrano immobili e perfettamente amalgamati con la figura di chi li abita, e questa staticità degli interni si contrappone alla frenesia della città che resta fuori. Nelle inquadrature sono inclusi oggetti e particolari che senza essere invadenti sanno suggerirci qualcosa di ogni personalità.

Esther Mathis

Esther Mathis, Artist
8:59 am Home, Milan

pl4

Vins Baratta, Photographer 4:24 pm Home, Milan
Matteo Mena + Ilenia Corti, Vernissage, Designers 10:12 am Home, Milan

scarful

Scarful, Artist
11:33 am Studio, Rome

pl.2

Marcello Crescenzi, Illustrator 3:15 pm Studio, Rome
Martina Grasselli, Jewelry and accessories designer 11:51 am Home, Milan

mauro gasperi

Mauro Gasperi, Fashion Designer
6:45 pm The Co Showroom, Milan

Dettagli che vanno a compensare l’assenza di un contatto visivo coi soggetti, che di solito serve a intuire qualcosa delle persone che incontriamo. Siamo così spinti a cercare indizi nella posizione, nell’espressione del volto, negli equilibri con gli oggetti circostanti. È in questo modo che tutta l’immagine diventa lo specchio di una personalità creativa, nascosta per un istante dietro le palpebre. In una città dove tanti stimoli visivi ci costringono a guardare intorno a noi, gli scatti di Pavlove ci invitano a guardare dentro di noi e rivelano l’identità del lavoro creativo, che ha bisogno di introspezione e concentrazione. Proviamo a chiudere anche i nostri occhi e a credere nella possibilità di esprimere la nostra immaginazione, sfatando il luogo comune sull’incapacità dei giovani di costruire il proprio futuro. I ritratti di Pavlove ci sono riusciti.

INNERES AUGE  Tanzania

pl.tanzania.1

Masoud Ibrahiwy Kibwana

pl.tanzania.2

Edger John

Hereunder is presented the last part of the Project (still not published) developed during the summer 2012 in Tanzania with the African Artist Shama Jaffer shamajaffer.blogspot.it who gave a big help to find out a list of potential artists available to be shooted.

pl.tanzania.3

Patricia Chegefu

pl.tanzania.4

Ayoub Kimwely

pl.tanzania.5

Shama Jaffer

pl.tanzania.6

Kiebstone Sikazwe

pl.tanzania.7

Mohamed Mwango

This part could be considered in a certain sense more deep and even a big chance to study how cultural and enviromental differences could influence the same visual work but in two different parts of the world. African artists have been all shooted outside. Normally they do not have a real studio, only rich people can afford for it. They use outside places in the streets, kind of corner that they organize by theirself really close to the “open air” surrounding.
pavloveThis confirm the big difference between Europen and African differente approach. Africa, has a strong “vegetation impact” and is an important part of the everydaylife people and especially artists are influeced and inspired.
Colors of Nature, sun light and animals are most of the time rapresented inside their paintings. In Africa there is an important correlation between Human and Nature a kind of mutual respect. so I found interesting to organize this part of the project with a double serie of portraits, Artists and Plants. Photos are linked in a couple. Every couple is composed by a Portrait of an African artist and a Portrait of an African plant. Plants like artist are “portraited”.   

BIO* Pavlove  der  Visionaer  è  un  fotografo  di  base  a  Milano.  Laureato  in  scienze  della  comunicazione  ha  poi  frequentato  l’Istituto  italiano  di  fotografia  e  l’Icp  a  NYC.  Lavora  come  fotografo  indipendente  e  si  occupa  di  progetti  visivi  in  cui  spesso  persone  e  spazi  si  relazionano  tra  loro.  Attualmente  tiene  anche  un  corso  di  fotografia  all’interno  del  carcere  di  Bollate  in  collaborazione  con  Lomo  Italia.

WEB* pavlove.net • facebook