REPORTAGE
*MICRO FESTIVAL

by Modalità Demodè

DATE*HUB al Micro Independent Publishing Festival!

Più di 1.500 tra publisher, illustratori, grafici e appassionati si sono trovati insieme sotto il tetto dello spazio Superground di Milano per la manifestazione di tre giorni che ha celebrato la Micro editoria con produzioni italiane e internazionali, workshop, laboratori e attività creative.
Il Micro, voluto dalla passione e costanza di Marco Nicotra (Bolo Paper) e Giuliana Tammaro (Branchie), prodotto in collaborazione con i mitici ragazzi dell’Art Kitchen che una ne pensano e cento ne fanno, ha presentato la sua prima edizione milanese di editoria indipendente con ben 23 publisher scelti tra nomi provenienti da diversi Paesi.
Micro perché?
“Micro-editoria, piccola divulgazione e distribuzione, e micro perché ognuno nel suo piccolo ha qualcosa di grande! Si fa un gran lavoro per aprirci alle avanguardie, le grandi case editrici bloccano, noi preferiamo sviluppare la creatività di espressione!”
Ma Micro-editoria non significa esclusivamente tiratura minore o formati “pezzi unico” a distinguere questo, per nulla elitario ma molto esclusivo mondo, è la cura dell’intero processo dall’input all’output. Troverete opere che celano storie di viaggi mentali e fisici, di sogni e di ambizioni o che vogliono solamente essere una via di fuga che, come un puzzle, si compone di tasselli sparsi per un unico filo conduttore: la libertà di espressione.

Bolo Paper – Lost in Milan

Un progetto editoriale nato a Berlino tramite una call, lanciata da un blog di settore, che ha riunito grafici, illustratori e creativi provenienti da tutto il mondo e ha dato vita ad un magazine autoprodotto distribuito in 1500 copie. Dopo Lost in Berlin e Lost in London Bolo Paper ha condotto a Milano il workshop per imparare a realizzare una fanzine autoprodotta in 3 settimane. Il risultato ha portato a 24 progetti editoriali.
Bolo paper attualmente è alla sua seconda edizione, realizzata dopo 1 anno e mezzo dalla prima, con il tema: sogni tradotti in grafica.

* Ecoeditoria creativa – Troglodita Tribe

«Usiamo scarti cartacei planimetrie, biglietti…È totalmente ecologico, zero impatto sull’ambiente, ed è divertente perché è frutto di una decontestualizzazione, è usare qualcosa della città e modificarne il suo senso, significa cambiare il paesaggio circostante. Il progetto nasce dal desiderio di pubblicare in altro modo, è un’auto produzione unica nel senso che ogni lavoro non è una fotocopiatura ma ogni progetto è un livello creativo con interventi originali tutti diversi. Da questo processo nascono pezzi unici con una tiratura minima con interventi originali per ciascuna copia, in questo modo contribuiamo a coinvolgere anche gli altri sensi non solo la vista. Stampiamo vicino a Macerata e i nostri temi sono: botanica immaginaria, fantastronomia poetica, tutto il nostro lavoro si basa sull’importanza della manualità. È un invito per il pubblico, propone un’altra via e scardina la solita idea sul libro pubblicato, noi proponiamo la possibilità di realizzare un proprio libro con un impatto completamente diverso. Cambia la visibilità. Inoltre crediamo che i creativi, più di tutti, si debbano preoccupare dell’ambiente circostante per questo motivo cerchiamo di tener conto di tutto e valorizzare l’aspetto del riciclo. La nostra distribuzione è esclusiva alle fiere e manifestazioni di micro editoria indipendente.»

Strane edizioni

Strane Edizioni nasce in terra straniera, a Barcellona nel 2008. È un progetto illustrativo con una tiratura limitata a 250/500 copie. “Amiamo le autoproduzioni, molti dei nostri lavori sono monografici, proponiamo ad alcuni illustratori selezionati un progetto editoriale sul quale lavoriamo per diverso tempo finchè non troviamo il giusto equilibrio. Scegliamo di destinare un 1/5 della vendita all’autore. Questa opera totalmente artigianale nasce da uno scambio reciproco continuo.

* PrintAboutMe

Questo è un progetto di grafica d’arte. Siamo partiti in 4 e ora siamo in 5 tra stampatori artisti grafici e un gallerista! Siamo un collettivo che promuove la grafica d’arte nelle sue varie forme. Abbiamo realizzato un primo contest che ha dato origine ad un progetto di microeditoria. Scegliamo noi stessi gli artisti attraverso una selezione dal web.”
Ma i progetti non finiscono qui! Ci raccontano la loro ultima e geniale idea: Ménage à trois – residenza d’autore. Una convivenza a tre nello studio di uno stampatore che ospiterà, per tre giorni, un’artista e un videomaker. 72 ore per concepire e realizzare un’opera. Tutto il processo sarà filmato dall’occhio indiscreto di una videocamera che documenterà l’intera esperienza che si concluderà con un evento in cui saranno presentati il  lavoro realizzato, il video del backstage e un’esposizione monografica dell’artista ospite.
Giovani, under 35, torinesi e grintosi dal 2011 fondano PrintAboutMe ognuno con il proprio laboratorio collaborano all’unisono per promuovere la creatività e la diffusione delle tecniche di stampa calcografiche, xilografiche, litografiche, serigrafiche e tipografiche.

* NU® ANT

“Nu® ant, che è nato ormai quasi due anni fa (febbraio 2011), è un magazine di illustrazione ad uscita bimestrale. Ogni numero è dedicato ad un tema ben preciso sviluppato da diversi illustratori: tanti di questi si presentano già con dei lavori propri altri li contattiamo direttamente noi.
All’inizio siamo partiti semplicemente dal web, al quinto numero abbiamo lanciato una versione stampata, data la nostra grande passione per questa dimensione. La rivista rimane online in modo da poter essere consultata da ognuno e per chi è veramente interessato c’è anche la versione cartacea.
Come mai siete a MICRO? Quanto è importante per voi il rapporto con il pubblico?
“Siamo venuti a MICRO innanzitutto per conoscere un po’ di gente e aver nuovi contatti. Fortunatamente abbiamo conosciuto tanti illustratori e molte persone che si sono offerte per partecipare ai prossimi numeri. Inoltre un po’ di visibilità in più fa sempre piacere perchè non dimentichiamo che il nostro è un progetto auto prodotto e auto finanziato! Il rapporto con il pubblico è fondamentale, cerchiamo costantemente il raffronto con loro.
Progetti futuri?
“Sicuramente spingere Nu® ant fuori dai confini italiani anche per l’edizione stampata perchè per il momento siamo presenti solo sul territorio nazionale, nonostante abbiamo illustratori di provenienza internazionale. Ci piacerebbe ampliare il tutto e organizzare, ad esempio, delle esposizioni con le tavole dei nostri illustratori che sono state realizzate appositamente per noi.”

* FORTINO EDITIONS (USA)

Chi siete?
“Il progetto nasce circa un anno e mezzo fa da un’idea di due collaboratori (marito e moglie) che si dividono tra gli States e l’Italia (più precisamente Verona). Fortino Editions è frutto della voglia di creare reti in tutto il mondo ed è per questo che collaboriamo con artisti, grafici ed altri esperti nel settore provenienti da Los Angeles, Tokyo, New York, Londra e Beirut. Ci occupiamo di varie pubblicazioni (come cataloghi di mostre) che si possono trovare in cartaceo, online o in versione e-book. Il fulcro del nostro lavoro è “Fruit Of The Forest”, un magazine di design disponibile online, per Apple iPad e in altre piattaforme digitali. Il magazine, in uscita 4 volte l’anno, esplora il mondo del design in ogni suo aspetto e il modo questo settore è parte di noi. “Fruit Of The Forest” è nato per far scoprire, osservare e pensare il lettore. Partecipiamo al MICRO sicuramente per conoscere altre realtà e farci conoscere. Il rapporto con il pubblico è molto importante perchè muovendoci online abbiamo bisogno di divulgazione.”

* AKV Berlin (Germania)

Akv Berlin è una casa editrice fondata nel 2008. “Ci occupiamo di pubblicazioni di vari autori, a volte anche anonimi, che trattano temi quali ad esempio il rapporto tra immagine e testo, semiotica urbana e altri concept che possiamo definire sperimentali.”
Quanto è importante il rapporto con il pubblico?
“È sicuramente fondamentale, ed è per questo che partecipiamo ad eventi come MICRO, proprio per ampliare la nostra rete di conoscenze e cercare delle relazioni pure con le altre pubblicazioni. Spesso non ci limitiamo a presentare il nostro lavoro ma organizziamo anche delle letture e delle performance sperimentali.”

* ZWEIZEHN – DESIGN, PHOTOGRAPHY, CONCEPTION FOR CULTURE&SCIENCE (GERMANIA)

Come è nato Zweizehn?
“Zweizehn è un collettivo di Mainz formato da 4 designers che si sono conosciuti tra i banchi di scuola. Volevamo costruire qualcosa di diverso, che andasse oltre ai lavori che solitamente un graphic design svolge. Vogliamo dare alla cultura e alla scienza un design di valore, dargli importanza, sottolineando e approfondendo vari aspetti di questo comparto.
Abbiamo organizzato diversi workshop e lavorato con alcuni poli museali, musicisti e altre realtà culturali. Siamo stati contattati dagli organizzatori per partecipare e subito abbiamo accettato con entusiasmo. Per il momento lavoriamo solo con realtà tedesche e quindi abbiamo colto questa occasione al volo proprio perchè abbiamo bisogno di un confronto con persone di altre parti del mondo e magari perchè no, pubblicare anche fuori dalla Germania. L’unica cosa che veramente ci interessa è riuscire a comunicare ai lettori, scambiare opinioni ed è per questo motivo che il rapporto con il pubblico è fondamentale. Proprio in questi giorni abbiamo conosciuto persone che sono venute da noi per complimentarsi e questo è sempre una grande soddisfazione.”

* MICRO SCARTORIA – LABORATORIO DI NICOLETTA FASANI

Il laboratorio di scartoria creativa è un’occasione per sensibilizzare al riciclo valorizzando gli scarti. Solitamente consideriamo lo scarto un difetto invece questi pezzetti, avanzi, ritagli sono preziose risorse della nostra vita quotidiana che attraverso la creatività possono diventare oggetti preziosi e unici. Il laboratorio ha permesso di realizzare collane e bracciali utilizzando la carta di riciclo, in particolare intrecciando dei fili di carta finlandese colorati artigianalmente, chiamati pirka, e alcuni flyer raccolti in città di eventi passati.

WEB * www.microfestival.it
Reportage a cura di Modalità Demodè
Foto: Modalità Demodè & Micro