MUSIC&DESIGN
*WOOUF! *BOY LONDON *AIAIAI

by Polkadot

Quando si dice “vivere la musica”!

È nato prima l’uovo o la gallina? E per la stessa logica si potrebbe porre un’altra domanda: nasce prima il lifestyle o la musica che amiamo? È possibile classificare le persone in base ai loro gusti musicali e, per la stessa ragione, capire quali siano le loro inclinazioni in materia musicale attraverso il loro stile di vita? Se fino all’inizio degli anni 2000 i seguaci di una tendenza musicale formavano delle vere e proprie sette riconoscibili dal look, dagli acquisti e dai luoghi e club frequentati, oggi orientarsi in tal senso diventa un’impresa più ardua. Con la diffusione di internet e l’inflazione della parola “hipster”, l’alternative music -nelle sue diverse ramificazioni- si è estesa trasversalmente contaminando le playlist di svariate tipologie di pubblico, oltre al loro “way of life”, influenzandone i consumi. Per cui ciò che in passato veniva ascoltato, indossato o comprato da ristrette nicchie, negli ultimi anni ha raggiunto nuove fette di mercato.
Il rock diventa sempre più patinato e occhiali da vista e abbigliamento vintage si trasformano in un must have per i fashion addicted. La nuova sfida diventa, quindi, remare contro l’omologazione e chi continua ad essere-ciò-che-ascolta avrà solo bisogno di seguire il proprio istinto nella ricerca delle ultime tendenze. Per chi avesse invece bisogno del nostro aiuto, ecco qui alcuni esempi di brand che con la musica ci convivono per statuto.

*Woouf!

Non c’è fiera di street fashion o festival musicale estivo che non mostri uno dei loro poof. I ragazzi dello studio di design spagnolo Woouf! (nato a Barcellona nel 2008) hanno saputo coniugare il mondo della musica a quello del design realizzando una serie di sedute dalla forma “strumentale”.


Amplificatori, tastiere e maxi-stereo diventano un comodo appoggio per i salotti hipster mentre la collezione si allarga grazie alla collaborazione di artisti e fumettisti emergenti pronti a dare quel connotato ‘vintage’ che rende queste poltrone ancora più intriganti.
WEB * woouf.com/en

*Boy London

Passeggiando per Brick Lane a Londra non vi è alcuna probabilità di non vedere un berretto o una t-shirt Boy London indossata da un artista-musicista-poeta-pittore-designer-grafico locale. Questo perchè, da quando Stephane Raynor ha lanciato il marchio nel 1976, l’acquila simbolo del brand è diventata il must dell’intera cricca punk-rock-pop britannica e poi mondiale.


Celebrità come Boy George, Madonna e Pet Shop Boys hanno vestito Boy London consegnando ai nostalgici di oggi un irrinunciabile accessorio.
WEB* boy-london.com

 

*AIAIAI
Se unite il design minimale scandinavo alla più aggiornata tecnologia acustica il primo nome a saltarvi in mente non può che essere AIAIAI, marchio danese noto per le sue trendy cuffie audio e auricolari. Grazie alla collaborazione di più di 200 giovani artisti, musicisti e designer, dal 2005 il disegno di questi headphones si concentra sulle forme elementari e coniche arricchito da una vasta gamma di colori, rendendo il brand tra i più ricercati del settore.


 WEB* aiaiai.dk