FOTOGRAFIA
* ALLISON DAVIES

by Picame

Sembrano paesaggi scattati su pianeti ai confini del cosmo, invece è la nostra Terra.

Se non conoscete nulla di Allison Davies sfogliare la raccolta Outerland non vi sarà di grande aiuto. Non ci sono testi nè numeri di pagina, niente colophon o informazioni sull’autrice. Solo scatti e alcuni simboli indecifrabili. Sul sito della casa editrice solo poche, sintetiche frasi di presentazione del progetto. Trovare qualcosa su Google? Un’impresa.


Quello che ho scoperto è che per più di un decennio Allison Davies ha girato il mondo alla ricerca si paesaggi ambigui di struggente bellezza. Un’opera imponente e autobiografica nella quale l’autrice ritrae sé stessa come un solitario viandante interplanetario, perso nell’esplorazione di panorami spettacolari e scenari alieni.


Un progetto che vuole sottolineare come il nostro mondo, che crediamo di conoscere tanto bene, sia in realtà non meno misterioso di altri pianeti che ci sbattiamo tanto per esplorare. Se ci guardassimo attorno potremmo forse scorgere quanto di magnifico e sconosciuto resta ancora da scoprire sulla Terra. Distese desolate e apparentemente inospitali, paesaggi deserti, fatta eccezione per la presenza di Allison con indosso la tuta da esploratrice, da lei immaginata e realizzata.


Questo lavoro mastodontico, nato dalla collaborazione con il fotografo Richard Renaldi e con la casa editrice Charles Lane Press, è stato pubblicato in un volume stampato in edizione limitata di 700 copie che raccoglie al suo interno 65 scatti.

WEB * www.allisondavies.com